eccellenze rete rurale

“Eccellenze rurali” | La Semente tra le esperienze dell’agricoltura che cambia

E’ scaricabile online il Quaderno “Eccellenze Rurali. Esperienze dall’agricoltura che cambia“. Al suo interno anche l’esperienza del centro diurno e della fattoria sociale La Semente e un’intervista di Michela Ascani al Direttore Generale, Andrea Tittarelli. Il quaderno racconta infatti esperienze di buon utilizzo dei fondi a sostegno dello sviluppo rurale.
Potete trovare il quaderno a questo link —> http://bit.ly/2jPbUy3

Il Quaderno è frutto di un lavoro realizzato nell’ambito del Programma Rete Rurale Nazionale – Task Force Buone Prassi e Innovazioni. La pubblicazione propone una lettura trasversale delle 102 esperienze raccolte e documentate nel corso della programmazione e presenta, con schede sintetiche, i casi aziendali e territoriali che hanno beneficiato delle possibilità dei PSR 2007-13. Il risultato della ricerca ha dunque prodotto il quaderno, la cui pubblicazione è avvenuta nel dicembre 2016.

La Semente compare nella ricerca anche grazie al suo approccio Leader, che ha consentito la realizzazione di interventi per il miglioramento della qualità della vita delle aree rurali. I fattori di eccellenza che fanno includere La Semente all’interno della ricerca sono l’inclusione sociale (cioè i servizi erogati dalla struttura a carattere assistenziale volti all’apprendimento di abilità da parte di persone autistiche con il fine del loro inserimento lavorativo), la rete di contatti (e dunque la commistione tra pubblico e privato) e le buone potenzialità in termini di sostenibilità economica (con riferimento alla creazione degli spin off che ha caratterizzato l’esperienza de La Semente negli anni).

Il quadro generale che si delinea è di un settore in rapida trasformazione, i cui protagonisti sono sempre più aperti e in relazione tra loro e con il territorio. Una agricoltura sempre più multifunzionale e in grado di fornire servizi e creare opportunità lavorative.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *