Articoli

Fior di cena | L’evento a La Semente il 29 giugno

Come ogni mese, anche a giugno a La Semente non mancherà la cena evento. Il 29 giugno, alle ore 20.30, infatti, sarà la volta di “Fior di cena“. Protagonisti per l’occasione saranno i fiori, che con i loro petali, i loro colori e i loro profumi coloreranno i piatti serviti a tavola per l’occasione, oltre a donare un sapore tutto particolare alle pietanze.

Oggi, dopo una piccola anteprima sui nostri canali social, vi sveliamo il menù delizioso, che verrà preparato dalla cuoca Rosangela direttamente all’interno della cucina dell’agriturismo La Semente. Rosangela utilizzerà, oltre ai fiori, anche i prodotti (come uova e verdure) sani, genuini e a km0 nati, cresciuti e coltivati nella nostra fattoria a Limiti di Spello. Ecco dunque cosa potrete mangiare durante la serata:

ANTIPASTO

Frittella dorata con fior di zucca, accompagnata con formaggio fresco. Il tutto servito in abbinato ad un fresco cocktail con malva e limone.

PRIMO PIATTO 

Risotto profumato alla calendula

SECONDO PIATTO 

Bis di frittatina: fiore di zucca e zucchina con allium e cipolla fresca

CONTORNO

Panzanella fantasia con petali di fiordaliso e girasole

DESSERT

Macedonia fresca aromatizzata ai fiori di menta e camomilla

Il tutto naturalmente accompagnato da acqua e vino.

Come per ogni cena in casa La Semente, per info e prenotazioni potete contattare Eleonora al numero 338.6344821.

Il costo della serata è di 20 euro a partecipante.

Vi aspettiamo!

ASPA BASTIA per LA SEMENTE 4° Edizione RURALISSIMA. I risultati

Grande successo per la quarta edizione della corsa campestre Ruralissima – Cross Country for Autism, svoltasi ieri pomeriggio (16 giugno) a partire dalle ore 16 a La Semente: tanti gli atleti accorsi a Limiti di Spello, per una giornata di sport e cibo sano, a contatto con la natura incontaminata.

La Ruralissima, corsa da 6,5 chilometri, ‘sfrutta’ le bellezze paesaggistiche dell’Umbria e nasce con l’obiettivo di raccogliere fondi a favore de La Semente, realtà innovativa, centro diurno, fattoria sociale e distretto rurale che dal 2011 è impegnata, tra gli altri servizi, nell’inserimento lavorativo a vantaggio di ragazzi adulti autistici.

Anche quest’anno, dunque, la quarta edizione della Ruralissima ha scelto la nobile causa del sostegno alle famiglie di persone affette da autismo, tanto che lo slogan della manifestazione è “Cross country for Autism”.

L’evento podistico ha visto l’organizzazione tecnica di ASPA Bastia, il patrocinio di Coni Italia e di ENDAS, lo sponsor tecnico della Decathlon di Foligno, e il contributo di: Grafiche Diemme di Bastia Umbra, Caseificio Broccatelli, Siena Bevande, Foto Hispellum, P.A.I. Bambini di San Francesco Onlus e dell’Azienda il Divin Pensatore di Eleonora Siena.

La corsa si è svolta all’interno della fattoria sociale La Semente, toccando le aree agricole circostanti, regalando ai tanti podisti un’esperienza fuori dal comune. L’evento ha avuto inizio alle ore 16.00 con il ritrovo dei partecipanti. I giovani e i giovanissimi hanno gareggiato alle 17.00, mentre per gli adulti il fischio d’inizio è scattato alle 19.00. A seguire, al termine della corsa campestre, la cena bio in agriturismo a La Semente ha fatto sì che atleti e amanti dello sport, dell’aria aperta e della natura incontaminata trovassero un momento conviviale per cenare con prodotti a km 0 coltivati e allevati direttamente in fattoria. Il tutto sempre all’insegna di solidarietà, sport, salute e condivisione.

Ecco i risultati della gara podistica, divisi per categoria maschile e femminile:

Classifica bambini:

1° Salustri Cristian (500 metri)

2° Lepri Davide (500 metri)

1° Baruli Matilde (250 metri)

2° Casini Andrea (250 metri)

Classifica assoluti Maschile:

1° Tacconi Carlo (T 24,42)

2° Bianconi Enrico (T 25,19)

3° Biagini Andrea (T 25,38)

Classifica assoluti Femminile:

1° Meniconi Maria Luisa (27,50)

2° Enriquez Irene (26,48)

3° Ambrogioni Federica (29,50)

 

Classifica adulti maschi:

 

  • Categoria SM 70/Oltre

1° Piccolo Cosimo Damiano

2° Picciafoco Giuseppe

 

  • Categoria SM65-65/69

1° Passeri Luciano

2° Esposito Fulvio

3° Guercini Bruno

4° Liberti Renzo

5° Pucciarini Renato

 

  • Categoria SM60-60/64

1° Pasqualini Fabrizio

2° Andreoli Carlo Alberto

 

  • Categoria SM55-55/59

1° Paradisi Renzo

2° Covarelli Mauro

3° Brizi Fabrizio

4° Cardaioli Danilo

5° Bottoloni Raffaele

 

  • Categoria SM50-50/54

1° Salustri Moreno

2° Goracci Marco

3° Gustinicchi Maurizio

4° Bracardi Paolo

 

  • Categoria SM 45-45/49

1° Bragetti Giampiero

2° Gonzales Rojas Alonso Ramiro

3° Berrettoni Alessandro

4° Gobbini Simone

5° Capannelli Antonello

 

  • Categoria SM40-40/44

1° Susta Federico

2° Romoli Marco

3° Saccoccini Marco

4° Mazzoni Michele

5° Panzeri Dario

 

  • Categoria SM 18/34

1° Evangelisti Elia

2° Baldoncini Sergio

3° Papa Simone

 

Classifica femminile adulte

 

  • Categoria SF45/Oltre

1° Marcantoni Laura

2° Piccioli Laura

 

  • Categoria SF40-40/44

1° Venturi Chiara

2° Enriquez Irene

 

  • Categoria SF35-35/39

1° Abbandoni Eleonora

2° Quesada Brayce Jacquel

Eventi in Umbria | I luoghi da visitare e le manifestazioni da vivere

Cosa fare in Umbria? Cosa visitare? Quali eventi e manifestazioni non perdere, pensando ad esempio di soggiornarvi nei mesi di maggio, giugno e luglio? Oggi vi forniamo un vademecum speciale, per illustrarvi al meglio ogni dettaglio della particolarità di una regione come l’Umbria dai mille volti.

Spello e le sue Infiorate

Se vi trovate, ad esempio, nella zona del folignate, non potete perdere Spello e le sue Infiorate. Si tratta di manifestazioni durante le quale si celebra il Corpus Domini (che nel 2018 cade il 2 e il 3 giugno). Ogni anno, dagli anni ’30, gli artisti affollano le strade e mostrano le loro opere realizzate con petali di fiori ed ispirate ad eventi religiosi. Visitando Spello nei giorni dell’Infiorata, dunque, si possono ammirare stupende creazioni di decorazione floreale eseguite da veri artisti che le progettano e le preparano per mesi, usando soltanto elementi vegetali e fioreali. I variopinti “tappeti” ornamentali si diramano lungo tutte le vie e le piazzette, emanando il loro profumo e offrendo uno spettacolo gioioso di colori ai numerosissimi visitatori che vengono a visitare Spello per l’occasione.

Ogni anno a Spello si confezionano circa 1.500 metri di tappeti e quadri floreali che, ispirati a motivi religiosi – secondo la libera fantasia o riproducendo opere famose -, celebrano Gesù e il miracolo eucaristico. L’usanza di addobbare con i fiori il percorso delle processioni religiose ha radici lontane nel tempo e solo alcuni secoli fa si è trasformata in vero e proprio omaggio alla festa religiosa del Corpus Domini, il miracolo eucaristico.

Spello nasce su uno sperone del Monte Subasio, ben visibile anche dalla strada statale 75 che ne costeggia le pendici. È proprio la pietra rosa del Subasio, così come accade ad Assisi, a dare una meravigliosa colorazione a tutto il centro urbano, testimone di un’antica tradizione e del passaggio di popoli importanti, come i romani. I resti dell’Anfiteatro e del Teatro romano sorgono all’interno della cinta muraria medievale dove sono perfettamente conservate la Porta Consolare e la Porta Urbica.

I ceri di Gubbio

Spostandoci un po’ più a nord, troviamo Gubbio, definita “città grigia” per i blocchi di calcare su cui è costruita. Da visitare assolutamente Piazza Grande, centro principale della città, per poi fare un giro tra i monumenti, dal Palazzo dei Consoli al Palazzo del Capitolo fino al Duomo, scoprendo così le meraviglie di questo borgo umbro.

Se siete in zona il 15 maggio, poi, potrete assistere alla manifestazione più attesa, i Ceri di Gubbio. La Corsa altro non è che un atto di devozione a Sant’Ubaldo, Vescovo della Città, e la si corre dall’anno della Sua morte avvenuta nel 16 maggio 1160. Consiste nel trasporto di corsa di tre Ceri coronati da statue di Santi: sant’Ubaldo (patrono di Gubbio), san Giorgio e sant’Antonio Abate. È una delle più antiche manifestazioni folcloristiche italiane. Bisogna inoltre ricordare che i Ceri sono tre manufatti di legno coronati dalle statue dei tre santi, innestati verticalmente su altrettante barelle, a forma di “H”, che ne permettono il trasporto a spalla effettuato da parte dei ceraioli, capitanati dal “capodieci”. Il loro peso, comprensivo di tutti gli elementi, è di quasi 300 chili.

Perugia e il suo 1416

Se visitate l’Umbria, non potete comunque perdervi l’occasione di visitare Perugia, un piccolo gioiello in grado di custodire bellezze architettoniche, storiche e artistiche di alto pregio, dall’epoca etrusca, all’epoca medievale, ai secoli successivi. Dalla Galleria Nazionale al Pozzo Etrusco, dall’Oratorio di San Bernardino al Corso Vannucci: Perugia ha una vita cittadina molto intensa, legata soprattutto alla presenze di una delle più antiche Università degli Studi della penisola (fondata nel 1308), oltre che della maggiore Università per stranieri d’Italia.

Nel mese di giugno, inoltre, si svolge la manifestazione 1416, che nel 2018 si celebrerà l’8, 9 e il 10 giugno. E’ dedicata al condottiero Braccio Fortebracci. Un evento, tra storia e leggenda, che celebra il passaggio della città dal Medioevo al Rinascimento. Una grande festa in cui i cinque Rioni della città si sfidano per aggiudicarsi il Palio 2018, tra giochi medievali, corteo storico, mercatini e artisti di strada.

Assisi e il Calendimaggio

Non si può ovviamente dimenticare di menzionare Assisi, una delle città più visitate dell’Umbria, celebre anche per San Francesco e Santa Chiara. Proprio queste due figure fanno di Assisi il principale centro religioso della regione, meta prediletta da molti pellegrini. La città moderna è sorta senza intaccare la struttura della città antica: una serie di stradine collega le varie piazze disposte su livelli differenti e custodi di tutta la storia della città. Agli inizi di maggio è possibile immergersi nella festa di Calendimaggio, le cui origini si perdono nel tempo e si riallacciano a consuetudini pagane che celebravano con riti diversi, ma tutti improntati alla gioia, il ritorno della primavera e quindi il rinnovarsi del ciclo della vita. Per scoprire il programma della festa e dei giochi, potete visitare il sito ufficiale del Calendimaggio.

©Riproduzione riservata

“Profumatissima!”, a La Semente gli oli essenziali a tavola

Sarà una cena evento “Profumatissima” di nome e di fatto quella che andrà in scena il prossimo 20 aprile nell’agriturismo de La Semente a Limiti di Spello. Si comincia alle 20.30 e per questa occasione è prevista una collaborazione speciale con Selene Gnavolini e gli oli essenziali di doTerra. Ogni portata, infatti, sarà abbinata ad un olio essenziale speciale scelto per voi, che verrà non solo degustato, ma anche fatto assaggiare attraverso il senso dell’olfatto.

Oggi vi presentiamo dunque il menù scelto per voi, con i relativi abbinamenti:

  • Crostino Asparagi e Barbozza con olio essenziale al PEPE NERO
  • Penne alla Norcina con olio essenziale al LIMONE
  • Frittata con Cipolla e olio essenziale al TIMO
  • Panzanella con olio essenziale al BASILICO
  • Miscela digestiva di OLI ESSENZIALI

A seguire, ci sarà occasione per un percorso sensoriale in compagnia di Selene, durante il quale curioseremo nel mondo degli oli essenziali, degustandoli e provando a conoscerne i vantaggi, le caratteristiche, le proprietà benefiche.

E’ bene ricordare che le portate servite a tavola saranno preparate con prodotti biologici e a km 0, come da tradizione per il nostro agriturismo con cucina all’interno.

Per partecipare alla cena, come sempre accade a La Semente, basta telefonare ad Eleonora al numero 338.6344821, alla quale potete chiedere info e prenotare il vostro tavolo.

Il costo della cena, inoltre, è di 20 euro per gli adulti e di 10 per i bambini. L’invito è come al solito di partecipare numerosi e divertirsi insieme a noi attraverso questo nuovo percorso di benessere e gusto.

Vi aspettiamo!

Mettici la zucca!| Il 19 gennaio a tavola a La Semente

Cominciamo il 2018 con una cena evento che saprà incuriosire e soddisfare le vostre papille gustative e coccolare le vostre orecchie con la musica dei The Smarties. Il 19 gennaio, nelle accoglienti sale dell’agriturismo La Semente, la zucca sarà protagonista del menù della cena dal titolo “Mettici la zucca!“.

Ecco il menù dettagliato:

  • Focaccia zucca e barbozza
  • Cappellacci fatti in casa ripieni di zucca al ragù bianco
  • Arrosto di maiale al forno con purè di zucca
  • Torta di zucca
  • Acqua e vino

Ricordatevi che i prodotti usati per cucinare e preparare il nostro menù sono tutti a km 0 o coltivati direttamente nei campi della fattoria La Semente.

Ad animare la serata, ci penserà inoltre la musica dei The Smarties, gruppo nato nel 2012, dall’idea di Federica Marani (voce e loopstation) e Stefano Marcucci (pianoforte), con un repertorio di musica rock, grunge, progressive e jazz.

A cena saremo alle ore 20.30. Affrettatevi a prenotare, perché si sa che a La Semente i posti vanno letteralmente a ruba ed è facile fare sold out, come già accaduto per le cene “Che Ficata!” e “Mela Day!“.

Per info e prenotazioni, basta telefonare a Eleonora al numero: 338.6344821.

Il contributo per partecipare alla cena è di a partire da 20 euro per gli adulti e di 10 euro per i bambini.

La Semente al TEDx


Il 5 novembre 2015 Assisi ospiterà il primo evento in Umbria dedicato alla diffusione delle idee (TEDxAssisi); una piattaforma mondiale in grado di convogliare al suo interno, numerosi esperti di vari settori e casi studio di successo nell’ambito dell’economia, dell’impresa, dell’impegno sociale.
Un occasione di confronto che possa creare  riflessione e nuovi spunti partendo da idee vincenti.

L’evento si svolgerà dalle 10:00 alle 18:00 presso la splendida location del Palazzo del Monte Frumentario in Assisi. Il pubblico potrà assistere alla conferenza in prima persona prenotando un posto in sala o seguendo la diretta streaming. Dodici speaker racconteranno, durante il talk, la propria esperienza negli ambiti più disparati, per un tempo massimo di diciotto minuti. L’evento, sarà inoltre diffuso su tutti i canali social da HootSuite, la piattaforma di gestione dei social network più diffusa al mondo.

Gli eventi TEDx (independently organized event), si svolgono in ogni parte del mondo, e sono pensati per diffondere pensieri e idee che possano migliorare la comunità locale e il modo di pensare dei singoli individui, per un approccio innovativo che includa la volontà di innescare cambiamenti a livello globale, partendo dal locale.
Tra gli speaker di questa prima edizione umbra di TEDx c’è anche Andrea Tittarelli, Direttore generale de La Semente. Il suo talk partirà dal tema dell’agricoltura sociale per raccontare un’altra economia, che possa essere nuova linfa per l’ambiente e le persone. 
Ecco alcune foto della Conferenza Stampa di presentazione dell’evento tenutasi ieri, venerdì 23 ottobre presso Palazzo Donini a Perugia, che ha visto la partecipazione di Leonardo Cenci di Avanti Tutta Onlus, Sonia Montegiove di LibreItalia e Andrea Tittarelli de La Semente, oltre che del curatore Matteo Piselli, dell’Assessore alla Cultura del Comune di Assisi Serena Morosi e di Luigi Rossetti, Coordinatore dell’ambito Imprese e Lavoro della Giunta Regionale.
foto Corriere dell’Umbria

foto Corriere dell’Umbria

foto Corriere dell’Umbria
Questa la lista dei 12 Speaker di TEDxAssisi:

– Elena Brescacin è una web developer e tester dell’accessibilità di siti e app mobile, presso l’azienda NTT Data Italia. Non vedente dalla nascita, appassionata di tecnologia fin dal 1989, si occupa di trovare le migliori soluzioni tecnologiche per semplificare al meglio l’uso di computer, smartphone e tablet da parte di persone con disabilità visiva. Il titolo del suo Talk: Condividi per combattere il pregiudizio
– Leonardo Cenci è il fondatore di “Avanti Tutta Onlus”, associazione che ha l’obiettivo di promuovere l’affiancamento della attività motoria/sportiva alla terapia medica, nella convinzione che lo sport e la mentalità sportiva siano forti alleati per combattere tutte le malattie. Cenci è un appassionato maratoneta nelle fila dell’Avis di Perugia e responsabile commerciale presso un’azienda del capoluogo perugino; da 3 anni combatte contro il cancro che lo ha colpito. Il titolo del suo Talk: Stile di vita sano, mente sana = qualità della vita eccellente!
– Antonia Colasante è psicologa, psicoterapeuta e facilitatrice certificata per il metodo Lego© Serious Play®, ha trascorso gran parte della sua vita lavorativa occupandosi di comunicazione e di temi legati alla formazione. Attualmente lavora come consulente e formatrice presso Agenfap (www.agenfap.com), aiutando imprese e dirigenti a ottimizzare online la loro presenza e quella dei loro brand attraverso il corporate storytelling. Il titolo del suo Talk: Lo storytelling incontra i mattoncini Lego
– Robin Good è un pensatore indipendente, un piccolo editore online, un collaudatore e promotore di nuovi strumenti e servizi digitali e un imprenditore. La sua area di interesse è lo studio delle metodologie e degli strumenti più efficaci per fare marketing, giornalismo e formazione. Presente nel web dal 1998, è stato il primo piccolo editore in Europa a fatturare più di un milione di dollari a Google. Dal 2004 è il primo cittadino italiano che, occupandosi di content curation online, ha ufficialmente abbandonato l’attività di consulenza tradizionale per vivere esclusivamente di Internet. Il titolo del suo Talk: Per cosa combatto
– Marianna Marcucci studia da anni le opportunità che il web può offrire al mondo del turismo, dell’arte e della cultura. È senior consultant per “Mind Lab Hotel”, una società che aiuta gli albergatori a prendere confidenza con marketing, social media e revenue management; è co-founder di Invasioni Digitali, un’iniziativa bottom-up nata nel 2013 per promuovere la cultura, la storia, la bellezza attraverso il web e i social network coinvolgendo le persone. Il titolo del suo Talk: La curiosità è un atteggiamento
– Sonia Montegiove è presidente di LibreItalia onlus, membro di The Document Foundation, analista programmatore e formatore, giornalista pubblicista. Fa parte della redazione di Girl Geek Life, è responsabile editoriale del canale sul software libero di Tech Economy, è contributor di LibreItalia e Orizzonte Scuola. Il titolo del suo Talk: La condivisione: dai nostri nonni il metodo più semplice per innovare
– Eva De Marco si definisce un ingegnere in evoluzione. Laureata nel 2003 in Ingegneria Civile, ha intrapreso la libera professione occupandosi di calcoli strutturali in ambito civile e industriale. Nel 2012 trova la sua strada e fonda l’app Orto in Tasca, che permette di essere sempre aggiornati sulle aziende agricole che vendono prodotti di propria produzione a livello locale. Il titolo del suo Talk: Lo sviluppo di un’app attraverso le emozioni
– Cristina Rigutto è una comunicatrice aziendale, una ricercata speaker e un’autrice di libri sulla comunicazione scientifica. Da più di 25 anni opera come innovatrice, consulente e formatrice nel campo della comunicazione strategica. I suoi interventi si concentrano sul mondo della tecnologia in costante evoluzione e il suo impatto sulla comunicazione scientifica. Il titolo del suo Talk: L’economista nella torre d’avorio
– Raniero Regni laureato in Filosofia presso l’Università di Perugia nel 1980 è Dottore di Ricerca in Pedagogia presso l’Università Roma Tre nel 1988, professore Ordinario di Pedagogia sociale presso il Dipartimento di Scienze Umane della LUMSA di Roma, dove insegna anche Educazione degli adulti e Pedagogia interculturale. È docente presso il Montessori Training Center di Perugia nel corso Montessori per Casa dei Bambini. Ha tenuto conferenze presso molte università europee ed è relatore ai congressi organizzati dall’AMI (Association Montessori Internationale) in Europa e negli Stati Uniti. Il titolo del suo Talk: Montessori per l’infanzia: una complessità risolta
– Andrea Tittarelli dopo la maturità scientifica inizia l’esperienza nel campo socio-sanitario, consegue la Laurea Magistrale in Ricerca e Programmazione delle Politiche Sociali, un Diploma di Alta Formazione in Fundraising e un Master in Gestione Imprese Sociali. Con l’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici progetta e collabora alla realizzazione e alla gestione de La Semente, centro diurno – fattoria sociale – distretto rurale, per l’avviamento e l’inserimento lavorativo di soggetti con handicap”. Il titolo del suo Talk: Agricoltura sociale: le persone e l’ambiente come linfa per una nuova economia
– Eugenio Vitanza (UsuArdo) ha frequentato l’Università di Catania laureandosi nel 2015 in Ingegneria Informatica. Dopo aver partecipato a competizioni di robotica, durante un tirocinio formativo scopre l’enorme potenziale della realtà virtuale ed i benefici dei Serious Games applicati al campo medico. Attualmente lavora presso Behaviour Labs, una start-up che sviluppa soluzioni software spaziando dalla robotica alla realtà virtuale in ambito salute e benessere. Il titolo del suo Talk: L’ossimoro della realtà virtuale
–  Fabio Zaffagnini Ha lavorato per molti anni presso l’Istituto di Scienze Marine del CNR di Bologna come geologo, occupandosi di survey ed analisi dati. Nel 2014 ha fondato Trail Me Up, una start up che realizza sistemi di realtà virtuale aumentata, attraverso la quali gli utenti possono visitare sentieri e luoghi remoti in giro per il mondo. Zaffagnini è l’ideatore e il coordinatore di Rockin’1000, un evento in cui 1000 musicisti hanno suonato il brano “Learn to Fly” dei Foo Fighters per invitare la band statunitense a Cesena. Il video dell’evento ha superato 24 milioni di visualizzazioni.

In più, La Semente, è sponsor dell’evento !
È per noi motivo di grande orgoglio poter raccontare, di fronte ad una platea di esperti nei vari settori d’interesse che saranno trattati, imprenditori, ricercatori e semplici curiosi, la nostra realtà e la nostra missione, che ci vede impegnati ad innovare il presente per sorprendere il futuro !

Turismo sociale extralberghiero

Ormai da alcuni mesi, sono partiti i lavori di ristrutturazione ad uno degli immobili in cui opererà la cooperativa agricola sociale La Semente. Nello specifico, gli spazi, che potete osservare nelle foto, ospiteranno un’attività agrituristica, il cui scopo sarà quello di ricevere tutti i tipi di viaggiatori con particolare attenzione per le famiglie con qualche forma di disabilità a carico. Il numero delle camere disponibili sarà pari a 6 con un totale di 18 posti letto. I clienti avranno la possibilità di godere di diversi regimi: solo pernottamento, pernottamento e prima colazione, mezza pensione o pensione completa. Degni di nota due servizi aggiuntivi non previsti dagli standard, ovvero la reception con salotto, internet point, tv e libreria e uno splendido solarium. Oltre alle classiche funzioni, l’agriturismo sarà protagonista di due ulteriori operosità; da una parte la cucina provvederà al servizio catering per i pasti del centro diurno gestito da Angsa Umbria Onlus e dall’altra verrà utilizzata per cene sociali come eventi spot pro fundraising.