Articoli

Mettici la zucca!| Il 19 gennaio a tavola a La Semente

Cominciamo il 2018 con una cena evento che saprà incuriosire e soddisfare le vostre papille gustative e coccolare le vostre orecchie con la musica dei The Smarties. Il 19 gennaio, nelle accoglienti sale dell’agriturismo La Semente, la zucca sarà protagonista del menù della cena dal titolo “Mettici la zucca!“.

Ecco il menù dettagliato:

  • Focaccia zucca e barbozza
  • Cappellacci fatti in casa ripieni di zucca al ragù bianco
  • Arrosto di maiale al forno con purè di zucca
  • Torta di zucca
  • Acqua e vino

Ricordatevi che i prodotti usati per cucinare e preparare il nostro menù sono tutti a km 0 o coltivati direttamente nei campi della fattoria La Semente.

Ad animare la serata, ci penserà inoltre la musica dei The Smarties, gruppo nato nel 2012, dall’idea di Federica Marani (voce e loopstation) e Stefano Marcucci (pianoforte), con un repertorio di musica rock, grunge, progressive e jazz.

A cena saremo alle ore 20.30. Affrettatevi a prenotare, perché si sa che a La Semente i posti vanno letteralmente a ruba ed è facile fare sold out, come già accaduto per le cene “Che Ficata!” e “Mela Day!“.

Per info e prenotazioni, basta telefonare a Eleonora al numero: 338.6344821.

Il contributo per partecipare alla cena è di a partire da 20 euro per gli adulti e di 10 euro per i bambini.

User Journey Map: mappe speciali per un cammino condiviso

Quali sono le persone che voglio raggiungere? Di cosa hanno bisogno? Come queste persone cercano di ottenere gli obiettivi che si prefiggono? Cosa usano e in quale ordine? Perché compiono quella scelta? Cosa provano tali persone nel tentativo di raggiungere il risultato desiderato?”.

Sono queste solo alcune delle domande, tanto complesse quanto mirate, che chi si appresta a elaborare un prodotto (sia esso materiale o legato al mondo dei cosiddetti ‘servizi’) dovrebbe porsi. Calarsi nell’esperienza, immedesimarsi nel cliente, cercare di raggiungere così non solo il proprio obiettivo, ma anche e soprattutto quello dei customer.

Si chiama “user journey map” o del ‘percorso utente’ ed è uno dei metodi più adatti per perseguire questa scelta. La user jouney map può essere spiegata come la “rappresentazione sintetica dei passaggi che fanno le persone tra i canali messi loro a disposizione (sito, app, sportello/punto vendita, etc.) per raggiungere un obiettivo“.

Usarla aiuta a rendere chiari e visibili processi fondamentali per il nostro progetto che altrimenti non riveleremmo.

Abbiamo deciso di applicarla anche nel centro diurno La Semente, dove vengono assistiti giovani e adulti affetti dal disturbo dello spettro autistico. Una buona palestra per il nostro team, composto da validi e qualificati operatori, che, grazie alla discussione stimolata, arriverà a inquadrare i singoli problemi, assicurargli il giusto peso, fino a giungere alla soluzione più corretta.

Come funziona

Nella nostra tabella, disponiamo in riga le attività e in colonna i nostri task. Attraverso questo processo siamo in grado di raggiungere alcuni obiettivi:

  • miglioriamo lo stato attuale;
  • progettiamo e valutiamo il futuro;
  • sviluppiamo una visione con il customer al centro e un’offerta innovativa.

Inoltre grazie alla tabella otteniamo informazioni importanti su:

  • Contesto. Cerchiamo di rispondere alle domande: cosa facciamo per i nostri utenti? cosa fanno loro per noi? In questo modo riusciamo a costruire lo scenario in cui si collocano le interazioni con i customer, rilevandone aspetti positivi e negativi.
  • Personas. Facciamo riferimento ad un profilo utente preciso, dunque analizzando persona per persona e dedicandogli una mappa. Ognuno è ricco del suo vissuto personale e si posiziona in base a previsioni, desideri, ambizioni.
  • Risultati. È una descrizione dei risultati desiderati – che cosa sta cercando di raggiungere il nostro utente?  Elenchiamo tutte le azioni, per quanto possibile, che permettono di raggiungere il risultato. In questa parte, grande importanza rivestono le motivazioni e i bisogni che portano ad agire.
  • Touchpoints. Sotto ogni azione riportiamo tutti i canali e punti di contatto dove i servizi e le persone si incontrano.
  • Fornitura del servizio. Sotto ogni punto di contatto, scriviamo cosa offre il servizio e chi ne è il responsabile diretto.
  • Viaggi emozionali. Si creano delle linee verticali dove inserire l’esperienza della personas (azione – > punto di contatto – > cosa offre il servizio – > esperienza). Qui rispondiamo alle domande su le emozioni: come pensi che la persona si sentiva in quel momento? Utilizziamo una scala da 0 a 10, più alto è il numero, migliore è l’esperienza. Si può rappresentare con una linea con il valore in alto o in basso a secondo dell’esperienza.
  • Blueprint. In basso possiamo mappare l’intervento delle persone che forniscono il servizio ricostruendo collegamenti finché non avremo un modello organizzativo, un quadro completo del funzionamento dell’organizzazione del servizio.
  • Miglioramenti e innovazioni. La mappa ha un obiettivo creativo, di brainstorming rispetto a servizi che abbiamo identificato come deboli. Mostrare le cose nero su bianco, in condivisione aiuta a focalizzarle e a mettere ordine. È allora che riusciamo ad innescare un processo creativo che si alimenta grazie ad un artefatto condiviso.

La forza della user journey map non dipende solo dal fatto che è incentrata sul customer, ma anche dalla possibilità di raccogliere in itinere i dati, di annotare idee e cambiamenti, in maniera dinamica come sono i comportamenti dell’uomo.

 

A La Semente si festeggia la natura con “Cachi sotto l’albero!”

A La Semente si festeggia la natura e i frutti che lei ci dà. A dicembre, come di consueto, tornano le cene evento in agriturismo, con menù gustosi e preparati con ingredienti bio e genuini. Gli ingredienti che usiamo per preparare le pietanze sono infatti a km 0, se non direttamente raccolti dalla nostra fattoria a Limiti di Spello.

Questa volta l’abbiamo intitolata “Cachi sotto l’albero“, complice il clima natalizio che ha già invaso le strade delle città e le nostre case, con luminarie e addobbi. Ci trovate pronti a tavola a La Semente il prossimo 15 dicembre, a partire dalle ore 20.30.

Per l’occasione, ecco il menù pronto per la cena che serviremo a tavola:

  1. Antipasto con crostone di pane integrale con cachi, rucola e pecorino.
  2. Primo di mezze penne in salsa di cachi mela.
  3. Secondo di coscio di pollo con arrosto di patate e caco.
  4. Dolce con torta di cachi e gocce di cioccolata.
  5. Acqua e vino.

Ad animare la serata, ci penserà inoltre la musica dei The Smarties, gruppo nato nel 2012, dall’idea di Federica Marani (voce e loopstation) e Stefano Marcucci (pianoforte), con un repertorio di musica rock, grunge, progressive e jazz.

E vi ricordiamo che per questo mese l’edizione di “Cachi sotto l’albero” sarà unica e inimitabile! Non ci sarà dunque alcun bis e, dati gli ultimi sold-out con “Che Ficata!” e “Mela Day!“, vi consigliamo di prenotare al più presto.

Per info e prenotazioni, potete telefonare a Eleonora al numero 338.6344821.

Mela Day! La cena evento a base di mela a La Semente | Aggiornamento

Si intitola “Mela day” ed è la nuova cene evento a La Semente. Il prossimo 17 novembre, a partire dalle 20.30, in fattoria sociale, come nella tradizione de La Semente a Limiti di Spello, si festeggia di nuovo l’autunno in compagnia di buon cibo bio, solidale e a km 0. La cena evento sarà, dato il titolo gustoso e curioso, a base di mela.

Scopriamo allora insieme quale sarà il menù della serata: un antipasto di frittelle salate con mela e pecorino; un primo con risotto mela e noci; per secondo un arrosto di suinetto con stufato di mele; come contorno le verdure miste dell’orto de La Semente; e come dolce torta di mele fatta in casa. Il tutto naturalmente accompagnato da acqua e vino.

A La Semente, in occasione di questa cena evento, orna anche l’appuntamento con la musica live: per questo mese avremo l’esibizione dei Luly Tunes.

Per partecipare a questa cena, basterà telefonare e prenotare al numero 338.6344821, e parlare con Eleonora.

Contributo a partire da 20 euro. Previsti sconti per bambini: per loro il contributo partirà da 10 euro.

Che cosa aspettate dunque? Affrettatevi a prenotare i l vostro tavolo per trascorrere una splendida serata in nostra compagnia!


 

Aggiornamento della serata!

Siamo stati così bravi da aver fatto sold out per la cena del 17. Abbiamo per questo deciso di bissare per accontentare tutti i nostri ospiti e rinnovare l’invito a partecipare ad una nuova cena in casa La Semente. Quando? Il 24 Novembre. Stessa ora, stesso menù e stesse regole.

Ci si vede in agriturismo!

“Design, Do and Lean It”. Nuovi modelli di business di impresa pensando all’Europa

Un solo hashtag: #ILoveErasmusPlus. Perché amare un progetto di così ampia portata vuol dire anche comprenderne appieno il significato. Proprio questo hashtag è stato scelto come ‘mantra’ per la prima tappa in Finlandia, dal 22 al 28 ottobre 2017, a cui anche La Semente ha partecipato, ospitata, insieme ad altri partner internazionali e nazionali, dalla capofila del progetto la PKKY – North Karelia Municipal Education and Training Consortium.

Il progetto si intitola “Design, Do and LEAN it – Experimental development as a tool of strenghten the collaboration with work life and educational organization” e ha come obiettivo quello di riunire per la prima volta i vari rami del Service Design, una giovane e variegata disciplina, per ottimizzarla e diffonderla.

Tra i partner del progetto, insieme a La Semente, lo Ies Felipe de Borbon dalla Spagna, Pohjois-Karjalan koulutuskuntayhtymä PKKY e Aspa Palvelut Oy dalla Finlandia, Vrij katholiek onderwijs opwijk dal Belgio, l’Universidad de Almería dalla Spagna, l’italiana AIAB Umbria, Coleg Gwent dal Galles. Una cabina di regia importante, all’interno della quale la Semente entra di diritto, grazie alla sua esperienza come best practice e spin off di successo.

Uno degli scopi dei vari workshop svoltisi a Joensuu è stato quello di progettare nuovi modelli di business grazie al Design Thinking, passando dal Business Model Canvas al LEAN Canvas. La domanda principale a cui si è provato a rispondere è: “qual è il futuro per la progettazione di servizi, in particolare in ambito socio-sanitario?”. La risposta? Basare i prodotti su bisogni e desideri reali, espressi da persone in carne ed ossa.

Lo staff de La Semente in missione ha riportato a casa con sé un bagaglio ricco di esperienza e di più arricchito know-how, grazie al lavoro svolto assieme a partner di caratura nazionale e internazionale. Sul tavolo, l’elaborazione di un nuovo processo di sviluppo di prodotti e servizi che mira a non imporre, ma a raggiungere clienti ed utenti partendo proprio dalle loro istanze e necessità.

La Semente è best practice | Dal Messico a Spello per studiare la cooperativa

Dal Messico fino a Limiti di Spello per studiare la fattoria sociale e l’esperienza nel mondo del terzo settore sviluppata a La Semente. E’ accaduto lo scorso giovedì 5 ottobre, quando sono venuti a trovarci in cooperativa alcuni studiosi universitari dall’ateneo di Puebla, grande centro a circa 130 chilometri dalla capitale Città del Messico. Si tratta di professori e studenti provenienti dai dipartimenti di economia e scienze sociali, interessati agli aspetti metodologici con cui La Semente ha mosso i primi passi, divenendo nel tempo un possibile modello replicabile nel sociale e in agricoltura.

La Semente si conferma così best practice di fattoria sociale, cooperativa agricola di tipo b, nonché modello per l’inserimento lavorativo in agricoltura di persone svantaggiate. Gli studiosi americani hanno dunque visitato il centro diurno La Semente per giovani ragazzi autistici, gestito da Angsa Umbria Onlus, e i campi della fattoria sociale, dove vengono coltivati ortaggi, frutta e verdure con i metodi biologici e il rispetto della natura e dei cicli stagionali.

La Semente non è comunque l’unica realtà che gli studiosi universitari e gli studenti hanno visitato in Italia. Il viaggio è proseguito anche in Abruzzo, a Roma e a Milano, nonché con la visita agli uffici di Banca Etica e Banca Prossima, nell’ottica dell’interesse per un nuovo modello di economia sostenibile.

A nome della cooperativa non possiamo far altro che ringraziare chi crede in noi e chi sceglie La Semente come esempio e best practice di realtà nel terzo settore.

Colti in castagna | Nuova cena evento de La Semente | Il menù

Questo mese la cena evento de La Semente avrà il sapore dell’autunno e delle castagne. Saranno loro, infatti, l’ingrediente principe della cena, per un menù da leccarsi i baffi e preparato anche con ingredienti bio raccolti direttamente dai campi della nostra fattoria a Limiti di Spello. L’appuntamento è per venerdì 20 ottobre. Si parte alle 20.30 seduti a tavola e allietati dalle note di un nuovo musicista: è Fabrizio Martin Gumbo, che, per la sua prima volta in casa La Semente, ci allieterà con delle note folk e country.

E’ allora nostro piacere presentarvi oggi  il menù per questa edizione della nostra cena evento in agriturismo. Ecco cosa abbiamo previsto:

  • antipasto di crostone con guanciale e castagne stufate
  • primo di tagliatelle di castagne su crema di zucca
  • secondo di omelette con formaggi e castagne
  • contorno di finocchio gratin e patate al finocchietto
  • dolce di crostate on crema di castagne
  • acqua e vino

Per partecipare o avere informazioni, anche questo mese, basterà telefonare e prenotare ad Eleonora al numero 338.6344821.

Il contributo partirà da 20 euro, 10 euro per bambini.

La Semente torna a “Fà la cosa Giusta!” | A ottobre la fiera a Bastia Umbra

Torna Fa’ la cosa giusta! Umbria, fiera del consumo consapevole, in programma a Bastia Umbra, in provincia di Perugia, dal 6 all’8 ottobre 2017. E La Semente torna ad esporre in fiera, con i suoi prodotti bio, a km 0 e solidali.

Sarà l’occasione per immergersi in uno spaccato di economia diversa, tra realtà sicuramente più sostenibili, delle nuove imprese italiane innovative. In un unico spazio, culturale e commerciale, troverete il meglio dei prodotti e dei servizi per uno stile di vita “etico” divisi in 12 aree espositive.

La Semente esporrà all’interno dell’area “Buono da mangiare”. Una zona che raccoglie aziende agricole (produttori e trasformatori) e distributori biologici e biodinamici; realtà che difendono la biodiversità; produttori locali con filiera corta, associazioni e istituzioni impegnate in progetti di educazione all’alimentazione e in difesa della sovranità alimentare, consorzi di tutela dei prodotti tipici.

La quarta edizione della fiera “Fà la cosa giusta!”, inoltre, prevede seminari, workshop, dibattiti, educazione e didattica, dimostrazioni, presentazioni, mostre, convegni, cooking show, laboratori pratici, qualità della vita, benessere del corpo e della mente, un programma riservato alle famiglie e alle scuole per una tre giorni di eventi gratuiti non stop sui diversi aspetti e le diverse anime della sostenibilità. L’evento, organizzato da Fair Lab in collaborazione con Terre di mezzo Editore e Umbriafiere, con il patrocinio e il sostegno della Regione Umbria, con il patrocinio del Comune di Bastia, ha l’obiettivo di diffondere buone pratiche di consumo e produzione.

Per info: www.falacosagiustaumbria.it

A La Semente, la cena evento Che Ficata!

Dopo una breve pausa estiva, tornano le cene evento a La Semente. A settembre, in fattoria sociale, il re della tavola sarà il fico per un appuntamento che si preannuncia fin da subito ricco di sorprese e, come nella tradizione de La Semente a Limiti di Spello, di buon cibo bio, solidale e a km 0. La cena evento ci sarà il 15 settembre, a partire dalle ore 20. Non poteva poi che intitolarsi “Che Ficata!“.

Il perché è presto detto. Basta scoprire insieme quale sarà il menù della serata: antipasto di focaccia al crudo e fichi; primo di mezze maniche con gorgonzola noci e fichi; secondo con arrosto di maiale con fichi. E per dolce, la crostata fatta in casa con la marmellata di fichi. Il tutto naturalmente accompagnato da acqua e vino.

A La Semente, in occasione di questa cena evento, orna anche l’appuntamento con la musica live: per questo mese avremo l’esibizione di Nate Kantner, ragazzo americano che da diversi anni viaggia con la sua chitarra e la sua musica per tutta l’Umbria e l’Italia. Per “Che ficata!” eseguirà i suoi pezzi country e folk, in pieno stile fattoria La Semente.

Per partecipare a questa cena, basterà telefonare e prenotare al numero 338.6344821, e parlare con Eleonora.

Contributo a partire da 20 euro. Previsti sconti per bambini: per loro il contributo partirà da 10 euro.

La Chianina buona! La nuova cena evento a La Semente

Gustare il sapore della chianina di qualità; passeggiare all’aria aperta e vedere con i propri occhi come gli esemplari di questi splendidi animali vengono allevati; ascoltare le parole esperte dei membri del Consorzio di Tutela del Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale.

Fare tutto questo insieme è possibile, grazie alla nuova cena evento targata La Semente intitolata “La chianina buona“. L’appuntamento per venerdì 28 luglio, nel cuore della nostra fattoria sociale a Limiti di Spello.

Ecco il programma dettagliato:
– ritrovo ore 18 a La Semente;
‍♀️‍♂️ passeggiata verso l’azienda di Fabio Filippucci a Bevagna;
– visita in azienda, dove vengono allevati esemplari di chianina insieme agli esperti del Consorzio Tutela Vitellone Bianco​
-️ ritorno in fattoria a La Semente, per la cena alle ore 20.

Questo il menu:
– Antipasto di schiacciata con cipolla
– Bocconotti al ragù di chianina
– Arista di chianina con patate al forno
– Panzanella
– Crema di uova bio con gelato al limone e frutta di bosco
– Acqua e vino

Contributo a partire da 25 euro (per bimbi entro i 10 anni 15 euro).

Saranno presenti gli amici musici del 5 de Mayo​!

Info e prenotazioni da Eleonora al numero: 338.6344821.

Le ricette de La Semente | Melanzane al funghetto

Per la rubrica Le ricette de La Semente, oggi vi proponiamo le melanzane al funghetto. Anche nei campi della nostra fattoria sociale crescono rigogliosi questi ortaggi (potete trovare anche pomodori e aglio fresco). Per averli basta telefonare allo 0742.302033 e chiedere di Simone: potrete così entrare a far parte anche voi del nostro Gruppo di Acquisto Solidale e ricevere aggiornamenti settimanali sul contenuto delle nostre cassette, con verdure sempre fresche e di stagione e uova delle nostre galline.

Ma veniamo alla ricetta. Ingredienti:

Melanzane 550 g

Pomodori ramati 550 g

Basilico 6 foglie

Aglio 1 spicchio

Sale fino q.b.

Olio extravergine d’oliva q.b.

 

Procedimento:

Per preparare le melanzane a funghetto, iniziate lavando sotto acqua corrente le melanzane. Quindi eliminate con un coltello l’estremità con il peduncolo e la parte finale, poi tagliate le melanzane a fette di 1 cm circa nel senso della lunghezza, dividetele in strisce e ricavatene dei dadini di 1,5 cm di lato.

Lavate accuratamente i pomodori, togliete il picciolo e con un coltellino scavate per eliminare la parte verde. Quindi riducete i pomodori a fette piuttosto spesse e poi a dadini.

Prendete una padella capiente e versate abbondante olio e quando sarà ben caldo, aggiungete le melanzane in padella: friggete le melanzane per circa 10 minuti, girandole perché si dorino uniformemente.

Con una schiumarola trasferite le melanzane fritte su un vassoio rivestito con carta assorbente per farle scolare dell’olio in eccesso. Nella stessa padella in cui avete fritto le melanzane, fate dorare uno spicchio d’aglio e appena sarà rosolato toglietelo e aggiungete i pomodori a cubetti.

Spezzettate con le mani le foglioline di basilico e aggiungetele ai pomodori. Fate cuocere per 5 minuti, poi aggiungete le melanzane e fate insaporire il tutto per circa 10 minuti a fuoco dolce aggiustando di sale. Quindi spegnete il fuoco e gustate le vostre melanzane a funghetto tiepide o fredde, come contorno o per insaporire la pasta!

La Semente fa scuola ed ‘esporta’ il suo know-how

Partiranno a breve le prime consulenze in agricoltura sociale e per la riduzione dei comportamenti problema.

Nel mondo del terzo settore è fondamentale non esistano barriere: né architettoniche, né geografiche, né tantomeno fisiche e mentali. La cooperativa agricola sociale ‘La Semente’ di Limiti di Spello ha preso alla lettera questa missione e si accinge ad inaugurare una nuova stagione: da luglio, comincerà infatti ad erogare consulenza indirizzata a realtà impegnate nel mondo dell’agricoltura sociale e del sostegno alla disabilità.

Per l’occasione, ‘La Semente’ supera i confini umbri e vola direttamente in Calabria, a Lamezia Terme, dove aiuterà la Comunità Progetto Sud di don Giacomo Panizza nel percorso di creazione e sviluppo del nuovo Centro psico-educativo intensivo sull’autismo, realtà finora unica nella regione del sud Italia che aprirà i battenti il prossimo settembre all’interno dell’Oasi Bartolomea. La Comunità Progetto Sud ha presentato il centro lo scorso 10 giugno: il suo intervento psico-educativo punterà a setting settimanali intensivi, rientri settimanali a giorni alterni, counseling familiare sistemico, attività di agricoltura sociale.

A formare gli operatori del nuovo centro lametino ci penseranno i professionisti del team de ‘La Semente’, nata nel 2011 come centro diurno per giovani e adulti affetti dalla sindrome dello spettro autistico. Si tratta di una realtà che negli anni ha sviluppato un importante know-how nei settori socio-sanitario, dell’inserimento lavorativo e dell’agricoltura sociale. Tra i moduli che verranno erogati agli operatori del futuro ci sono in particolare: la somministrazione del test della TTAP, ossia la valutazione delle abilità significative strumentali al raggiungimento dell’autonomia da parte del soggetto disabile in vari contesti di vita; lo studio e l’utilizzo della mappa concettuale, che rappresenta uno strumento utile al matching tra le abilità emerse dalla TTAP e le attività svolgibili in un particolare servizio; il fundraising e la comunicazione nel sociale.

‘La Semente’ si mette dunque in gioco: consapevole non solo che sono ormai sempre più numerose le richieste di aiuto e di cura per soggetti affetti da autismo, ma anche che il mondo del terzo settore richiede competenze specifiche e professionalità a 360 gradi in grado di operare nella piena consapevolezza per la costruzione di una società migliore.