Articoli

Le ricette de La Semente | Pane abbrustolito con uova stracciate alle fave fresche

Inauguriamo oggi una nuova rubrica, creata appositamente per gli appassionati di cucina e del cibo sano e buono: si intitola “Le ricette de La Semente” e con questo appuntamento vi proporremo una serie di leccornie, da cucinare e preparare con i prodotti biologici e solidali coltivati all’interno della nostra fattoria sociale a Limiti di Spello. Troverete nelle nostre cassette del gruppo di acquisto solidale le nostre ricette plastificate e collezionabili, pronte per essere conservate nel vostro ‘quaderno’ dei segreti in cucina.

>>> SCOPRI TUTTE LE NOVITA’ SULLE NOSTRE CASSETTE DEL GAS

Ecco il piatto che vi proponiamo per questo inizio maggio: il pane abbrustolito con uova stracciate alle fave fresche. Gli ingredienti sono semplici e facili da trovare in questa stagione anche da noi:

6 uova
6 fette pane casereccio
2 bicchieri di fave fresche
2 cipollotto
1 spicchio aglio
1 mazzetto prezzemolo
3 cucchiai pecorino da grattugiare
q.b. aceto balsamico
q.b. olio di oliva extravergine
q.b. sale
q.b. pepe

Procedimento:

Fate dorare le fette di pane sotto il grill. Tritate finemente i cipollotti e il prezzemolo e pestate l’aglio con qualche grano di sale grosso.

Soffriggete in una larga padella antiaderente i cipollotti e l’aglio con 4 cucchiai di olio, unite le fave e insaporitele nel condimento per alcuni minuti. Battete le uova con sale, pepe, prezzemolo e pecorino. Versatele sopra le fave e cuocetele a fuoco dolce mescolando finché cominciano a rapprendersi. Spegnete, mescolate ancora per un minuto, poi distribuitele a cucchiaiate sopra i crostoni di pane. Pepate a piacere e servite a parte l’aceto balsamico.

E ricordate che per prenotare le nostre cassette, anche con uova e miele, potete telefonare a Simone, che risponde al numero 0742.302033. Potete ritirare le nostre cassette ,inoltre, anche a Bastia Umbra, in piazza Mazzini, presso la sede di Angsa Umbria Onlus. Ricordatevi di telefonare e prenotare i vostri prodotti bio!

Buon appetito!

Visite didattiche a La Semente

Si apre la stagione delle visite didattiche a La Semente: destinate a tutti i bambini e ragazzi, di ogni scuola, le visite sono un momento importante per entrare a contatto con la natura, scoprirne i segreti, passeggiare all’aria aperta.

Con le nostre visite didattiche, vogliamo raccontare, descrivere e far vivere l’evoluzione e l’innovazione dell’agricoltura. Spiegare agli studenti, che per una giornata si immergeranno nella nostra fattoria a Limiti di Spello, i concetti di filiera corta, di corretta alimentazione, di stagionalità dei prodotti decisivi nella nuova agricoltura, del cui cammino siamo testimoni sociali. Un viaggio tra colture ortofrutticole e allevamenti di galline ovaiole, alpaca e pavoni: il tutto accompagnato da una buona merenda (e per chi volesse anche un pranzo) a km0.

Abbiamo realizzato la prima esperienza di visita didattica a La Semente grazie alla collaborazione con la Direzione Didattica Statale di Bastia Umbra. Con gli alunni, giunti in mattinata in fattoria, durante la passeggiata per i campi, abbiamo avuto l’occasione di liberare gli insetti stecco.

Non solo: La Semente si contraddistingue per essere anche un centro diurno semi-residenziale, realizzato in collaborazione con Angsa Umbria Onlus, per ragazzi affetti da autismo, di cui la fattoria sociale è uno spin-off. Proprio il contatto con la natura e le attività all’interno dei laboratori ergo terapici aiutano i ragazzi affetti dallo spettro a trascorrere le loro giornate più serenamente.

Collaboriamo da sempre con istituzioni pubbliche, enti no-profit, con il variegato mondo del terzo settore e la comunità locale: anche per questo crediamo che il rapporto con le scuole sia di fondamentale importanza.

La nostra fattoria è un luogo nel quale le coltivazioni e gli spazi vengono gestiti da un gruppo misto di lavoratori che si prendono cura della terra e delle diverse attività. Perseguiamo l’inclusione sociale e privilegiamo il metodo di produzione biologico, la protezione ambientale e paesaggistica, i processi rispettosi dei valori sociali.

Cena sociale speciale a La Semente con Primavera Bio

La cena sociale de La Semente ad aprile si tinge di tante novità. E’ in arrivo per il 29 di aprile un appuntamento speciale con Primavera Bio. Per questo mese, infatti, la nostra consueta cena sociale versione “charity” si trasforma e amplia la sua offerta.

Porte aperte nella nostra fattoria sociale dalle 16.30. Dalle ore 17:00 inizieranno le visite guidate. Visiteremo il Centro Diurno dedicato a persone affette da disturbo dello spettro autistico con i suoi laboratori ergo terapici e i campi della Fattoria Sociale. Qui potrete ammirare dove vengono coltivati i nostri ortaggi biologici, la nostra frutta e dove vivono in piena natura le nostre galline, i nostri pavoni, i nostri maiali e i nostri Alpaca!
 
Tanto divertimento anche per i più piccoli (e non) con “Lo Spaventapasseri contadino racconta l’orto” e due laboratori dal titolo: “Piantiamo la piantina” e “Facciamo lo Spaventapasseri”.
Alle ore 19:00 si chiude in bellezza con la cena con i prodotti biologici coltivati direttamente da noi. Questo il ricco menu: pasta e fagioli, pasta con le fave; schiacciate (cipolla, rossa e rosmarino); frittate varie; panzanella; crostata; acqua e vino.
 

Per prenotazioni: 338/6344821 (Eleonora) dalle 09:30 alle 13:00 dal lunedì al venerdì.

 Ecco inoltre a voi i costi per accedere al divertimento e al buon cibo con La Semente e Primavera Bio: per gli adulti, 
per la sola visita è previsto un contributo a partire da 5 € 
per visita + cena è previsto un contributo a partire da 25 €

. Per i bambini fino ai 10 anni: 
per la sola visita è previsto un contributo a partire da 5 €  
per visita + cena è previsto un contributo a partire da 15 €
.

“Vediamoci di n’uovo!” | Il 24 marzo cena sociale a La Semente

Si chiama “Vediamoci di n’uovo!” ed è la nuova cena sociale nei locali dell’agriturismo de La Semente, a Limiti di Spello. Si torna a tavola, dunque, questa volta il 24 marzo alle ore 20, per un appuntamento enogastonomico a base di uova, per celebrare le 250 galline ovaiole allevate a terra, all’aria aperta e con metodi biologici, che abitano la fattoria sociale de La Semente.

Con il consueto gioco di parole che contraddistingue i nostri appuntamenti sociali e solidali, “Vediamoci di n’uovo” prevederà un menu sano e variegato. Come antipasto ci sarà: la tradizionale torta di Pasqua al formaggio (sulle tavole in Umbria per la colazione del giorno di Pasqua) con affettati umbri, uova sode, insalatina di verdure fresche bio. A seguire, come primo pasta alla carbonara. E come dolce dell’ottima crema pasticcera con gocce di cioccolato, naturalmente realizzata con uova bio made in La Semente.

Potete prenotare il vostro tavolo telefonando a Eleonora, la numero 338.6344821.

E ricordate che la cena prevede un contributo a partire da 20 euro per gli adulti e 10 euro per i bambini.

Non ci resta che aspettarvi e augurarvi buon appetito!

 

La Semente “A tutto Social” – Social Start Ups | Due giornate con Tamat a Perugia

Anche La Semente parteciperà alle due giornate “A Tutto Social” organizzate a Perugia per il 10 e l’11 marzo dalla Ong Tamat. Riflessioni, laboratori ed eventi per il progetto co-finanziato dall’Unione Europea Social Start Ups, per un evento lanciato nel 2015 e guidato dalla Ong TAMAT. Partner sono la Facoltà di Social Business della Plymouth University (UK), il Parco Tecnologico 3-A, il Comune di Verteneglio (Croazia) e l’ ONG Amsed (Francia).

L’obiettivo del progetto è quello di sviluppare, testare e validare una metodologia d’apprendimento per adulti sperimentando i Gruppi di Acquisto Solidale (G.A.S.) come veri e propri laboratori per l’acquisizione di competenze chiave per l’avvio all’autoimpiego e a supporto dell’imprenditorialità sociale.

La metodologia dell’azione europea Social Start Ups  sviluppata dalla Facoltà di Social Business della Plymouth University   (UK), la prima università al mondo ad aver ricevuto il Social Enterprise Mark per il suo contributo e impegno in ambito imprenditoria sociale, innovazione e creatività, e si basa sull’approccio del “learning by doing”, che comprende il coinvolgimento diretto degli adulti / partecipanti ai gruppi di acquisto solidale in start-up d’impresa e  attività di gestione. Il progetto mira anche a definire un modello sostenibile di gruppo acquisto solidale, che soddisfi produttori e consumatori. Tutto il materiale  di progetto è disponibile sul sito gratuitamente e per tutti.

I lavori si apriranno venerdì 10 marzo a partire dalle h10:30 presso Regione Umbria,  Palazzo Cesaroni con un FOCUS GROUP su competenze chiave necessarie a favorire l’auto-impiego e l’auto-imprenditorialità anche in funzione dell’imprenditoria sociale. Interverranno: Haya AL-DAJANI, Futures Entrepreneurship Centre Plymouth University, Martina BLASI Unità Epale Joana LEVY AMSED NGO Angela MINIATI, Agenzia Erasmus+  Simone FORESI AUR sportello APRE Umbria, Angelo FRASCARELLI  Ce.S.A.R. Daniela TOCCACELO Dirigente Sviluppo e competitività delle imprese Regione Umbria, Andrea TITTARELLI  della cooperativa sociale La Semente e Alessandro Cassano Associazione Lavoro Over 40.

Sabato 11 marzo le vie di Via della Viola si animeranno con una serie di eventi in parallelo, frutto della collaborazione tra Tamat e l’Associazione Fiorivano le Viole, un percorso che parte dal BALU’ dalle h15:00 con la proiezione del cortometraggio finanziato da Regione Umbria “GAS: connubio perfetto tra consumo responsabile e sostegno all’agricoltura locale”  alla quale seguirà la presentazione ufficiale del gruppo di acquisto solidale  realizzato da Tamat Ong e  all’interno del progetto Social Start Ups  con una OPEN TALK su scenari e prospettive future per l’impresa sociale con interventi di Carlo DI SOMMA Federsolidarietà-Confcooperative e Paolo TAMIAZZO  Forum Nazionale Terzo Settore.

Un SOCIAL LAB dalle 17:30 ospiterà quanto di piu’ interessante abbiamo nella nostra regione Umbria di realtà e associazioni generative di innovazione sociale e nuova imprenditorialità con l’Associazione Culturale Fiorivano Le Viole, Associazione Orto Sole, Cooperativa Sangiustinese, Fabbrica Moderna-Associazione Effetto Cinema, Music Farm, La Semente e  PostModernissimo.

In relazione durante le due giornate A tutto Social! per il progetto europeo Social Start Ups , la qualità e la sostenibilità del business sociale: quell’insieme ampio ed eterogeneo di esperienze di impresa che coniuga strumenti e culture imprenditoriali con l’orientamento al servizio della comunità, dove la creazione di valore economico e’ il mezzo per perseguire obiettivi di sviluppo e di coesione sociale.

Dalle 18:00 ci sarà un’asta di solidarietà con piu’ di 20 ARTISTI presentati dall’ Associazione Culturale Fiorivano Le Viole a  cura di Marco Truffarelli della Music Farm e a sostegno del costituendo gruppo di acquisto comunitario del villaggio di Koubri, Burkina Faso all’interno del progetto RASAD (2017-2019) di TAMAT Ong co-finanziato dalla Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS)

LABORATORI ARTISTICI dalle 16:00 alle 18:00 presso Tamat Braccia Rubate in  Via Cartolari 4 Perugia.

Il GRAN CERTAME DELLE ZUPPE! a partire dalle 19:00  presso Piazza San Giovanni del Fosso  – piazzetta delle 500. E dalle 19:30 in piazza anche lo straordinario gruppo musicale Cogli la Prima Mela con MAURO MELA- chitarra e voce SANDRO PARADISI – fisarmonica.

Galline ovaiole a La Semente | Alleviamo all’aperto

In Italia si consumano ogni anno 13 miliardi di uova, ma sappiamo da dove arrivano e come vengono prodotte? Sono tanti i modi per potervi informare sulla produzione di questo alimento così buono e prelibato. A La Semente alleviamo all’aperto e con un approccio biologico: le nostre galline sono quindi libera di razzolare per le campagne di Limiti di Spello, dove insiste la nostra fattoria sociale.

Siamo infatti convinti che la possibilità per le nostre galline ovaiole di stare il più possibile a contatto con la natura, senza lo stress di gabbie e capannoni, sia il metodo migliore per far sì che anche le uova siano più buone, nel rispetto dell’animale e dello stesso ambiente.

Un sistema, quello dell’allevamento all’aperto e biologico, che fornisce alle galline maggiori opportunità di appollaiarsi, fare bagni di polvere, muoversi e andare alla scoperta dell’ambiente circostante becchettando, grattando e andando alla ricerca di cibo.

Ricordatevi inoltre che c’è il modo di sapere come vengono allevate le nostre galline: tutto è nella buona informazione e nell’acquisto intelligente. Un’altra tipologia di allevamento è quello a terra e che a sua volta si discosta naturalmente moltissimo dall’allevamento in gabbia o batteria: in quest’ultimo caso le galline si trovano in gabbia, e depositano le uova su un nastro trasportatore che le porta direttamente al confezionamento, evitando così il contatto con la lettiera.

A La Semente le galline sono in grado di “pascolare” all’esterno, sull’erba, mangiando insetti e vermi, e traendo giovamento dall’aria fresca e dalla luce naturale. Vermi, insetti e erba danno varietà alla dieta e possono migliorare la qualità nutrizionale delle uova.

 

La Semente a “Con i piedi per terra” su Telesanterno

Umbria terra di eccellenze con l’economia agricola punta di diamante dello sviluppo della regione. Un modello di cui ha parlato anche la trasmissione di Telesanterno, “Con i piedi per terra“, in visita ad Agriumbria. La trasmissione ha fatto tappa anche a La Semente, per scoprire come l’agricoltura sociale sia realmente il futuro del primo e del terzo settore.

Partiti nel 2011, come centro diurno semiresidenziale, oggi La Semente ha creato una cooperativa agricola sociale, utile alla produzione biologica e all’impiego di lavoratori svantaggiati. L’approccio cognitivo-comportamentale usato a La Semente viene da lontano, dagli Stati Uniti d’America, ma ben si adatta al panorama umbro. Laboratori, sala, orto, back-office, la simulazione di stanze di una struttura ricettiva alberghiera: questi alcuni dei progetti del centro diurno, che vanno di pari passo con lo spin off della fattoria sociale e dell’agriturismo che sta per nascere.

In questo quadro, l’approccio sistemico al territorio, il rapporto con le istituzioni, la ricerca, la crescita del gruppo di acquisto solidale, la creazione di un hub rurale e il marketing sociale costituiscono la diversificazione del nostro progetto, un trait d’union fondamentale tra la cooperazione, l’imprenditorialità e il sistema socio-sanitario.

Trovate qui tutti i riferimenti per guardare la puntata —> http://bit.ly/2l7uArA

La trasmissione è già andata in onda in prima visione tv sabato 11 febbraio alle 12.30 su Telesanterno (canale 18 del digitale terrestre dell’Emilia-Romagna) in replica martedì 14 febbraio alle ore 21. Su Telesanterno 2 (canale 186 in Emilia-Romagna e 288 in Veneto) sarà inoltre trasmessa giovedì 16 febbraio alle ore 20. Diffusione nazionale sul circuito Odeon domenica 19 febbraio alle ore 20.00.

A Carnevale “Ogni pizza vale!”. Cena sociale in maschera

Il 24 febbraio, a partire dalle 20, nuovo appuntamento per le cene sociali a La Semente. Dopo il primo successo dello scorso 27 gennaio dedicato al gruppo di acquisto solidale, la programmazione degli “incontri gastronomici”, a base di ingredienti bio e a chilometro zero, si colora per il Carnevale 2017.

Per questa cena sociale vi proponiamo: pizza, patate, frappe di Carnevale e birra artigianale. Il tutto per un contributo minimo di 20 euro (per i bambini 10). Ad allietare la serata ci penseranno le note di Moreno dj. Potrete portare con voi stelle filanti e mascherine di carnevale: ci aspettiamo infatti che la cena si trasformi in una serata danzante!

Per la cena, porteremo a tavola la birra artigianale ai fiori di sambuco del birrificio DieciNove di Spello. Vogliamo farvi venire l’acquolina in bocca presentandovi uno degli ingredienti protagonisti della cena sociale: la birra. Come la descrive il suo mastro birraio si tratta di una “bionda, adatta a tutti i tipi di palato, grazie al suo gusto rinfrescante, dissetante e beverino. La sua particolarità è il fiore sambuco, utilizzato durante le fasi di lavorazione, che oltre a donare alla birra un profumo floreale unico, la caratterizza con un retrogusto delicato e persistente. Proprio per questo suo gusto tutto floreale, è la birra ufficiale delle Infiorate di Spello, evento di rara bellezza conosciuto in tutto il mondo”.

Per la cena sociale, info e prenotazioni al 338.6344821 (Eleonora) e allo 0742.302033.

“Eccellenze rurali” | La Semente tra le esperienze dell’agricoltura che cambia

E’ scaricabile online il Quaderno “Eccellenze Rurali. Esperienze dall’agricoltura che cambia“. Al suo interno anche l’esperienza del centro diurno e della fattoria sociale La Semente e un’intervista di Michela Ascani al Direttore Generale, Andrea Tittarelli. Il quaderno racconta infatti esperienze di buon utilizzo dei fondi a sostegno dello sviluppo rurale.
Potete trovare il quaderno a questo link —> http://bit.ly/2jPbUy3

Il Quaderno è frutto di un lavoro realizzato nell’ambito del Programma Rete Rurale Nazionale – Task Force Buone Prassi e Innovazioni. La pubblicazione propone una lettura trasversale delle 102 esperienze raccolte e documentate nel corso della programmazione e presenta, con schede sintetiche, i casi aziendali e territoriali che hanno beneficiato delle possibilità dei PSR 2007-13. Il risultato della ricerca ha dunque prodotto il quaderno, la cui pubblicazione è avvenuta nel dicembre 2016.

La Semente compare nella ricerca anche grazie al suo approccio Leader, che ha consentito la realizzazione di interventi per il miglioramento della qualità della vita delle aree rurali. I fattori di eccellenza che fanno includere La Semente all’interno della ricerca sono l’inclusione sociale (cioè i servizi erogati dalla struttura a carattere assistenziale volti all’apprendimento di abilità da parte di persone autistiche con il fine del loro inserimento lavorativo), la rete di contatti (e dunque la commistione tra pubblico e privato) e le buone potenzialità in termini di sostenibilità economica (con riferimento alla creazione degli spin off che ha caratterizzato l’esperienza de La Semente negli anni).

Il quadro generale che si delinea è di un settore in rapida trasformazione, i cui protagonisti sono sempre più aperti e in relazione tra loro e con il territorio. Una agricoltura sempre più multifunzionale e in grado di fornire servizi e creare opportunità lavorative.

La Semente, “A Tutto G.A.S.!”. Fare rete a tavola con una charity dinner

Si intitola “A Tutto G.A.S.!” ed è la nuova avventura che la cooperativa agricola La Semente, a Limiti di Spello, lancia con l’inizio del 2017. A metà tra il ‘social eating’ e la ‘charity dinner’, “A Tutto G.A.S.” è una formula per fare rete, condividere sapori, sapere, profumi e cibo bio seduti a tavola.
La prima cena sociale si terrà il 27 gennaio, a partire dalle ore 20, nei locali rustici quanto accoglienti dell’agriturismo della cooperativa. Un nuovo spazio che presto verrà inaugurato con tutti i suoi servizi e ben si presta ad accogliere sia all’interno che all’esterno i suoi ospiti.
Con La Semente, potrete sedervi a tavola e mangiare i prodotti piantati e coltivati direttamente nella fattoria sociale, sviluppata su 4 ettari di terreno dai quali vengono raccolti i frutti che la terra decide di dare ogni giorno, nel rispetto della stagionalità, della freschezza e della territorialità. Risotto alla zucca, frittata di verdure, focaccia con cipolla, struffoli con miele e vino delle cantine locali: questo il menu pensato per la serata, che verrà accompagnato dalla musica country del musicista Mauro Magrini.
La cornice è quella della splendida piana di Spello, adornata dalla vista di Assisi e del Subasio. E’ proprio qui che è nato e ha mosso i primi passi il Gruppo di Acquisto Solidale de La Semente, a cui è dedicata la prima cena sociale della cooperativa. Ogni settimana, da ormai diversi anni, persone diverse partecipano all’acquisto delle cassette di verdure, uova e miele rigorosamente prodotti nella fattoria sociale de La Semente. E’ giunto il momento di farle incontrare, per costruire una rete ancora più solida.
Il tutto senza perdere mai la bussola che ha animato da sempre il progetto de La Semente: seguire, e ora cucinare e servire, ciò che offre la stagionalità delle colture orticole della fattoria; impiegare persone svantaggiate che trovano nella dimensione della fattoria accoglienza e lavoro; mangiare sano e solidale; investire nell’agricoltura sociale, simbolo di un vivere e crescere comune.
Info e prenotazioni allo: 0742.303153

Colleziona le ricette de La Semente. In cucina con verdure bio e di stagione

La Semente vuole essere presente nella vostra cucina, aiutandovi a cucinare al meglio i vostri piatti, magari composti con le verdure raccolte dalla nostra fattoria sociale.

Ecco perché abbiamo lanciato la nuova ideaa delle ricette de La Semente. Per chi acquista le verdure che compongono le nostre cassette del gruppo di acquisto solidale, in regalo ci sarà una ricetta ideata appositamente con un ingrediente di stagione dai nostri campi.

Scopri di più sulle nostre cassette: cosa sono e come acquistarle —> http://www.lasemente.it/blog/tag/cassette/

Che sia la zucca o il cavolfiore, grazie ai nostri consigli speriamo potrete arrichire le vostre tavole con piatti gustosi, bio e sani.

Plastificate e semplici da collezionare nei vostri raccoglitori, comporanno la vostra raccolta di ricette facili, simpatiche e creative, pensate per chi come noi de La Semente crede che la cucina sia molto di più di un semplice luogo di preparazione e per chi non vede l’ora di ritrovarsi a tavola e condividere il piacere del cibo, ma soprattutto quello dello stare insieme.

E se vi piace l’idea, inviateci le vostre ricette! Scriveteci su Facebook: inviateci le vostre foto con i piatti realizzati con le i prodotti delle nostre cassette.

 

A La Semente si parte con il servizio catering | In arrivo le cene sociali

A noi de La Semente piacciono le sfide: cominciamo il nuovo anno con un nuovo servizio. Dal 2 gennaio, infatti, la cucina della nostra cooperativa è aperta e pronta per servire i pasti ai ragazzi del nostro centro diurno. Ogni giorno un menù diverso, preparato anche con ciò che la nostra fattoria sociale e la sua terra producono. Verdure di stagione, come cavolfiori, broccoli finocchi e insalata, ma anche pasta, carne e menù variegati per vegetariani.

A darci una mano in questa nuova avventura c’è anche Mario, il primo e recentemente assunto lavoratore impiegato nella nostra cooperativa sociale. Mario (che nella foto firma il documento di trasporto dei primi pasti consegnati al centro diurno il 2 gennaio) da ospite del centro diurno La Semente, è diventato socio lavoratore svantaggiato della cooperativa. Quale modo migliore per cominciare il 2017?

Quello del servizio catering è un nuovo progetto che costituisce anche un nuovo traguardo per noi de La Semente, perché ci consentirà nel futuro di offrire un servizio ulteriore anche ad altri e nuovi clienti. Una delle prime iniziative che lanceremo infatti saranno le cene sociali: momenti di incontro importanti, oltre che di felice convivialità, che si terranno all’interno del nostro agriturismo.

Il primo incontro ci sarà già alla fine di gennaio. Vi terremmo aggiornati su date e modalità per partecipare alle cene. E tenetevi pronti, perché ci saranno alcune importanti novità e sorprese per tutti voi.