Articoli

Frutta estiva. A La Semente meloni e angurie

A La Semente, nell’orto estivo, coltiviamo anche la frutta di stagione. E quali migliori prodotti in estate se non quelli più amati dagli italiani? Anguria e melone sono sicuramente loro. E abbiamo anche il melone giallo invernale in offerta a 1,20 euro al chilo!

Conoscete i loro valori nutritivi di questi frutti?

L’anguria, della famiglia delle Cucurbitaceae, è costituita prevalentemente da acqua (circa il 90%), zuccheri, fruttosio e vitamine A, C, B e B6. E’ ricca di sali minerali come potassio e magnesio, utili contro la spossatezza, e di vitamine. E’ un frutto molto dissetante, diuretico e disintossicante. Nonostante la presenza di zuccheri, le calorie dell’anguria sono modeste. Il cocomero contiene inoltre carotenoidi, sostanze antiossidanti che potenziano il sistema immunitario. Secondo alcuni studi è anche un frutto vasodilatatore.

Anche il melone è della stessa famiglia dell’anguria. Possiede più calorie ed è composto da ancora più acqua: si parla del 92%. E’ inoltre ricco di betacarotene e sali minerali, in special modo il potassio. Le sue proprietà sono molto utili al nostro organismo: dissetante, rinfrescante e diuretico, stimolatore di melanina, ha proprietà antiossidanti e funge da regolatore intestinale. Secondo alcuni studi è molto utile per la pressione arteriosa e l’osteoporosi, grazie alla presenza di calcio e fosforo.

Per avere la frutta de La Semente, coltivata biologicamente, basta telefonare allo 0742.302033 o inviare una email a info@lasementeit.

L’orto estivo a La Semente | I peperoni friggitelli

Li potete chiamare e definire in tanti modi: che siano friggitelli, o friarielli, o anche puparuoli in dialetto campano, i peperoni rappresentano degli ottimi ortaggi. Si tratta infatti di una verdura molto versatile e ricca di principi nutritivi. Anche l’orto estivo de La Semente, a Limiti di Spello, è molto ricco di questi prelibati peperoni. Uno dei nomi con cui sono conosciuti, friggittelli appunto, deriva dal tradizionale metodo di cottura, che prevede una frittura con abbondante olio bollente senza impanatura.

Sono peperoncini verdi abbastanza piccoli, dalla forma allungata, che solitamente non supera gli otto centimetri, caratterizzati da un gusto dolce e non piccante. E’ una verdura tipica dell’Italia centrale e meridionale, da cogliere nel momento prima che raggiunga la maturazione completa sulla pianta.

Possono inoltre essere utilizzati per numerose ricette.  In realtà sono ottimi anche se serviti crudi in insalata o utilizzati per creare un ricco condimento per la pasta o per la pizza, così come accompagnati da alimenti in grado di esaltarne il sapore e smorzare il gusto leggermente amarognolo, come la ricotta.

Come i peperoni in genere, anche i friggitelli sono molto ricchi di vitamina C e si caratterizzano per un notevole potere antiossidante, rivelandosi preziosi alleati per contrastare i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare.

Per averli, all’interno delle nostre cassette, insieme agli altri ortaggi cresciuti naturalmente e in maniera biologica nei nostri campi a Limiti di Spello, basta telefonare allo 0742.302033 o inviare una email a info@lasemente.it.

Orto estivo a La Semente | Storia e benefici della cipolla

Oggi vogliamo parlarvi della cipolla, presente anche nel nostro orto estivo, fresca e ideale per soffritti e condimenti.

Il suo nome antico è Allium cepa ed è uno degli ortaggi più antichi fra quelli consumati dall’uomo. Le prime tracce si possono rintracciare dal continente asiatico, nello specifico da Iran o Afganistan. Come ortaggio, godeva di grande reputazione già presso gli Egizi, tanto da venire rappresentata negli affreschi delle tombe dei faraoni. La cipolla era infatti venerata come una divinità, da chiamare a testimonianza di giuramenti o mettere in mano ai defunti quale lasciapassare per l’aldilà.
Anche il grande combattente Alessandro Magno la somministrava alle sue truppe per accrescerne il valore. In epoca classica le cipolle erano classificate secondo le zone di provenienza: si dice inoltre fossero particolarmente rinomate quelle della città greca di Megara.

Già all’epoca ne esistevano diverse qualità e varietà: quella bianca veniva descritta come più idonea alimento, mentre quella rossa veniva utilizzata come medicinale. Anche Galeno sposava la stessa tesi, ritenendo il colore rosso indice di una più intensa efficacia curativa.  Alla cipolle veniva riconosciute le virtù di stimolare l’apparato digerente, risolvere problemi di ritenzione e migliorare la circolazione.

Nei secoli hanno costituito un alimento fondamentale: in epoca Medioevale rappresentavano un alimento d’uso comune, e anche se la maggior parte dei medici antichi non gli avevano attribuito particolari qualità stimolanti, durante il Quattrocento e Cinquecento acquisirono grande fama di cibo afrodisiaco con la proprietà di crescere e decrescere all’inverso delle fasi lunari.

Come altri prodotti della terra, l’ortaggio era soggetto anche ad interpretazioni simboliche e superstizioni.
All’interno della Bibbia, se ne parla come dell’identificazione del dolore prodotto dal peccato (data la loro capacità di irritare gli occhi) e la falsità (molti strati del suo involucro).
Secondo le credenze popolari la sua buccia era indicata nel prevedere il tempo (buccia sottile inverno mite – buccia grossa stagione dura e fredda).
Oggi è forse la pianta da orto più coltivata in Italia, sia per le qualità organolettiche che per l’alto contenuto di sali, vitamine e principi antibiotici. Di cipolle ce ne sono molte varietà con forme e colori vari, ma le più sostanziali differenze sono legate all’area di provenienza e all’epoca di raccolta. La potete trovare anche da noi: basterà telefonare allo 0742.302033 o inviare una email a info@lasemente.it.

In cucina si consiglia l’uso:
– crudo per le cipolle rosse (più dolci);
– cotto per le bianche:
– sott’aceto per le cipolline, ideali ad accompagnare bolliti o antipasti.
P.S. Per evitare di lacrimare mentre si affettano le cipolle si può bagnare con acqua calda la lama del coltello, oppure mettere l’ortaggio a bagno per almeno un’ora prima del taglio.

Orto estivo a La Semente | I benefici delle verdure | I pomodori

Ormai re degli ortaggi in Italia, il pomodoro fa da padrone sulle tavole italiane. Si può consumare in vari modi, e sempre darà soddisfazione grazie al suo gusto: crudo o cotto, in salsa o fritto nell’olio, nelle minestre e nelle zuppe. In Italia conserviamo un primato: nei secoli scorsi, è qui che si incominciò ad assaporare il pomodoro per la prima volta, quasi un secolo prima di tutti gli altri Europei.

Anche a La Semente lo abbiamo a disposizione nel nostro orto estivo: lo coltiviamo anche per le vostre conserve e passate. Per averne e prenotarlo sarà sufficiente telefonare allo 0742.302033 o inviare una email a info@lasemente.it

La sua storia

Originario del Messico e del Perù, la sua storia racconta di commercianti, navigatori e agricoltori del passato. Possiamo ormai affermare con certezza che il Pomodoro come noi lo conosciamo oggi è molto diverso da come si presentava nei secoli scorsi: i frutti delle prime piante arrivate in Europa, coltivate per lo più in Francia in un clima freddo, rimanevano piccoli e giallognoli, spesso contorti, non particolarmente accattivanti; fu il cambio di zona di coltivazione a renderlo rosso, e poi la selezione genetica operata manualmente dai botanici a creare la miriade di varietà (solo quelle italiane ammontano a 320) oggi reperibili. Ecco perché il pomodoro ha molto più “successo” e vita rigogliosa nelle zone più calde d’Italia, e dunque al centro-sud.

Nel resto d’Europa le cose cambiarono solo con le pestilenze e le carestie dei secoli XVII e XVIII quando, mancando il grano, non solo la popolazione più povera, ma anche quella più ricca dovette cercare alimenti alternativi. In Gran Bretagna e in Germania le bacche vennero utilizzate per preparare minestre dal caratteristico sapore acidulo, mentre in Francia la corte dei re le impiegò per piatti “afrodisiaci”; nel Sud Italia era l’alimento base del popolo, ma ci volle la spedizione garibaldina dei Mille per diffonderlo nel Nord.

Le sue proprietà

Ricco di minerali, vitamine, antiossidanti e potassio, il pomodoro è un ottimo alleato della linea perché povero di calorie. Rappresenta il re della dieta mediterranea. I pomodori sono costituiti per la maggior parte da acqua e da un contenuto di grassi irrisorio, con un conseguente apporto calorico molto basso. I pomodori infatti hanno solo 18 calorie per 100 grammi. Infine la presenza delle sostanze appena viste, in particolare il licopene, conferiscono al pomodoro proprietà antiossidanti, diuretiche e preventive.

 

Orto estivo a La Semente | Cosa arriva in tavola? | I benefici delle insalate

Anche a La Semente è arrivato il momento di godere del proprio orto estivo. Sui campi a Limiti di Spello, dove la nostra fattoria sociale insiste grazie ad un’estensione di 5 ettari di terreno, sapori, colori e genuinità crescono grazie alle verdure coltivate biologicamente, senza l’utilizzo di macchinari su gomma.

L’estate è il momento dell’anno durante il quale si raccolgono i frutti del lavoro primaverile. A La Semente, stanno per arrivare tante varietà di insalata vario tipo, melanzane, peperoni, zucchine, pomodori (anche per conserva), cipollotti, porri, cetrioli, frutta come angurie e meloni. Una varietà garantita dal clima, così come dal territorio e dalla disponibilità del terreno.

Ma vediamo nel dettaglio i benefici di queste verdure. Oggi ad esempio parliamo di insalate. A La Semente le varietà sono tante: gentilina, spadona, rossa “ubriacona”, canasta, solo per citarne alcune.

Come sapete, le insalate sono uno dei piatti principe della stagione estiva: rinfrescanti, ricche di sali minerali e vitamine, aiutano l’organismo a combattere il caldo e la perdita di liquidi.

Una verdura che possiede la capacità di reidratare il corpo umano ed è utile per l’apparato digerente. Le sue origini? Sono piuttosto incerte, ma si ritiene che abbia come centro di origine primario il Medio-Oriente. Sembra inoltre che fosse consumata già anche in Europa fin dall’epoca dei Greci e dai Romani (da cui sembra abbia avuto origine ad esempio la lattuga romana).

Cosa aspettate, dunque, a godere anche voi di questi sapori genuini e freschi direttamente dal nostro orto nelle calde giornate estive? Potete trovare le insalate de La Semente all’interno delle nostre cassette del Gruppo di Acquisto Solidale. Per info e prenotazioni, potete inviare una email a info@lasemente.it, telefonare allo 0742.302033 o scriverci un messaggio tramite Facebook attraverso l’account @lasemente.