Agricampus a La Semente

Partono gli Agricampus, i campus estivi a La Semente, fattoria sociale a Limiti di Spello.

Grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, il progetto, nell’ottica dell’inclusività, è aperto e gratuito per tutti i bambini che vogliano trascorrere giornate di gioco ed attività ricreative a contatto con la natura e alla scoperta dell’ambiente.

Il calendario prevede 3 cicli da 2 settimane ciascuno (dal lunedì al  sabato):

– I° ciclo dal 21 giugno al 4 luglio

– II° ciclo dal 5 luglio al 18 luglio

– III° ciclo dal 19 luglio al 31 luglio

I posti sono limitati (max 20 bambini a ciclo).

Iscrizioni a partire da giovedì 20 maggio.

Per partecipare è necessario compilare la modulistica che trovate a questo link:

MODULO 

e inviare tutto alla e-mail agricampus.lasemente@gmail.com

Info al numero di segreteria 366.3891707

La Semente, cooperativa sociale, parte di Agrisocial Network

Ha preso il via formalmente l’attività del Gruppo Operativo “AGRISOCIAL NETWORK”, il contratto di rete che riunisce Cooperative Sociali, Imprese Agroalimentari, Associazioni ed Enti di Ricerca finanziato dal PSR UMBRIA con la misura 16.1.
“Il progetto è stato promosso da Confcooperative Umbria e Legacoop Umbria – esordiscono Carlo Di Somma ed Andrea Bernardoni presidenti del settore della cooperazione sociale delle due Centrali Cooperative – e vede coinvolte le più rilevanti ed innovative cooperative sociali di tipo a) e di tipo b) operanti in Umbria”.
Nel contesto del gruppo operativo, noi de La Semente avremo il ruolo di coordinare diversi tavoli di service design orientati alla creazione di modelli di servizio nel campo dell’agricoltura sociale, grazie alle nostre specifiche competenze in questa disciplina e grazie alla nostra esperienza.
“Il partenariato coinvolge 42 attori – esordisce il Presidente del Gruppo Operativo e Segretario Regionale di Confcooperative Lorenzo Mariani – e per numero e qualità dei soggetti coinvolti è il più rilevante Gruppo Operativo incentrato nell’agricoltura sociale finanziato dai PSR Regionali. Obiettivi principali del progetto sono sostanzialmente tre: dare valore aggiunto ai prodotti dell’agricoltura sociale attraverso la predisposizione di un disciplinare di certificabilità ed un marchio di riconoscibilità; la codificazione di processi produttivi in agricoltura volti all’inclusione lavorativa; la definizione di un processo di accreditamento dei servizi socio-sanitari connessi all’agricoltura sociale”.
“Il progetto è assai complesso – prosegue il Project Manager Enrico Libera – con 3 filoni principali che si dipaneranno in 10 azioni e 41 sotto-azioni. In questo percorso ci avvarremo del supporto scientifico dell’Università di Perugia, dell’Università di Pisa e dell’Euricse di Trento”.
“La Giunta Regionale osserva con grande attenzione la crescita del fenomeno delle fattorie sociali – esordisce l’Ass. Roberto Morroni – preannunciando la prossima pubblicazione di un bando con 1,8 milioni di euro per le imprese che praticano agricoltura sociale”. “E’ auspicabile che dal GO possano scaturirne reali opportunità di valorizzazione commerciale unitamente a contenuti utili per portare a compimento il percorso regolamentare della Legge sulle fattorie sociali ed i presupposti per l’accreditamento dei servizi rieducativi, terapeutici e riabilitativi connessi all’agricoltura sociale”.

A La Semente continuiamo a sviluppare con il co-design

Il lavoro in cooperativa a La Semente non è routinario, gli imprevisti sono all’ordine del giorno. Stiamo lavorando ad un sistema di pianificazione del lavoro che ci faccia avere una visione più ampia e ci faccia valutare le situazioni in anticipo. Uno strumento visuale di gestione  su misura per noi e i nostri ragazzi.  Vorremmo programmare il programmabile e gestire l’imprevisto in modo funzionale per tutti.

Anche grazie alla nostra partecipazione al progetto Erasmus+ “Design, Do and Lean It” , e memori degli insegnamenti appresi, continuiamo a sviluppare in regime di co-design (un approccio che coinvolge un gruppo di stakeholder nella fase di progettazione del concept) strumenti di visual thinking utili (una tecnica che ci permette di organizzare pensieri, idee e concetti, così come di apprendere meglio, attraverso le immagini) all’efficientamento continuo delle attività. Un percorso utile ai ragazzi son bisogni speciali, ma anche agli altri lavoratori.

Attraverso il nuovo modello si parte dunque dalla definizione del problema, analizzato questa volta da prospettive diverse. Il problema stesso si generalizza, si divide, si mettono in discussione le ipotesi, si usano in modo efficace i costrutti linguistici. A seguire, si trova la cosiddetta “generazione delle idee”, ossia una serie di strumenti per le fasi di ideazione delle possibili strade risolutive. Infine si passa alla prototipazione, un insieme di espedienti finalizzati alla consegna e all’implementazione delle risoluzioni ideate.

Ricordiamo inoltre che tra i partner del progetto “Design, Do and Lean it” compaiono, insieme a La Semente di Limiti di Spello, anche: AIAB Umbria con MicroCosmo di Valle Lupina; dalla Spagna lo Ies Felipe de Borbon e l’Universidad de AlmeríaPohjois-Karjalan koulutuskuntayhtymä PKKY e Aspa Palvelut Oy dalla FinlandiaVrij katholiek onderwijs opwijk dal Belgio, il Coleg Gwent dal Galles. Una cabina di regia importante, all’interno della quale i vari partner entrano di diritto grazie alle lore esperienze e best practices.

Natale 2020, con La Semente arrivano “Le strenne”. Dalla cooperativa sociale, il regalo natalizio enogastronomico di solidarietà

In occasione del Natale 2020, da La Semente arrivano “Le Strenne”, gustoso regalo enogastronomico. Un vero progetto di solidarietà, che valorizza i prodotti tipici del territorio umbro.

Quest’anno a Natale da noi puoi trovare il regalo buono per tutti! Sei un’azienda e vuoi regalare ai tuoi fornitori e dipendenti le bontà del nostro territorio? O sei un privato che vuole augurare ai suoi cari buon Natale con gusto e solidarietà? Puoi regalare gli “Invasati” (ricavati da ortaggi e verdure coltivati nei campi della fattoria sociale), il miele delle nostre api e gli “Infiascati”. Questi ultimi sono la vera novità delle strenne natalizie de La Semente: una bottiglia di Sangiovese IGT e una bottiglia di Grechetto IGT prodotti con le uve della Cantina Di Filippo di Cannara raccolte dai ragazzi diversamente abili impegnati nella nostra cooperativa, nell’ottica dell’inclusione sociale e dell’inserimento lavorativo. Per ricevere info ed effettuare le prenotazioni ecco i contatti: 0742.302033 (numero attivo anche su WhatsApp) e commerciale@lasemente.it  .

La Semente è la visione di una collettività aggregata per un pieno sviluppo umano. Il suo progetto racchiude al suo interno tre anime: il Centro Diurno, la Fattoria Sociale e Il Distretto Rurale. Il centro diurno La Semente è nato grazie alla collaborazione costruttiva tra l’associazione ANGSA Umbria e l’Assessorato alla Sanità della Regione Umbria. È una struttura terapeutico riabilitativa della rete di risorse e servizi afferenti al Dipartimento di Salute mentale delle aziende sanitarie. A La Semente, vengono organizzati e svolti laboratori terapeutici quotidiani (in particolare di orto, back office, sala, cucina, teatro). I ragazzi sono costantemente seguiti e assistiti grazie al lavoro di operatori qualificati e specializzati e all’impegno delle tante figure coinvolte nel progetto. La fattoria sociale è nata a sua volta come spin off dell’Associazione ANGSA Umbria: dal sostegno alle persone diversamente abili con autismo e alle loro famiglie, si arriva così alla costituzione di una cooperativa, economicamente e finanziariamente sostenibile, per la gestione collettiva di problematiche sociali di larga scala che, per loro natura, superano i confini de La Semente stessa. Il progetto nasce dall’esigenza dei tanti genitori di ragazzi autistici che si sono interrogati sul futuro dei propri figli e figlie. Quali le prospettive di integrazione sociale? Quali le possibilità occupazionali? Da qui si è partiti, facendo tesoro anche delle esperienze delle realtà già operanti sul territorio italiano, sempre attenti alla necessaria innovazione. “Ci piace immaginare il nostro centro come un bene comune, un luogo che per sua identità e natura è slegato dal concetto di proprietà privata e della massimizzazione del profitto. Allo stesso tempo, un luogo che si caratterizza come piattaforma di condivisione rivolta al circostante. Un bene comune aperto, in cui si possa passare da esperienze didattiche a quelle di volontariato e formazione, dal contatto con la natura alla cogenerazione di servizi”.

La Fattoria Sociale La Semente collabora con istituzioni pubbliche, enti profit, il variegato mondo del terzo settore e la comunità locale. Grazie alle sue caratteristiche ha un’elasticità che raramente si osserva in settori extra-agricoli ed è perciò in grado di garantire risposte differenziate che rispettano l’approccio personalizzato. Un luogo nel quale le coltivazioni e gli spazi vengono gestiti da un gruppo misto di lavoratori, tra i quali sono presenti anche persone con handicap che si prendono cura della terra e delle diverse attività, privilegiando il metodo di produzione biologico, la protezione ambientale e paesaggistica e processi rispettosi dei valori sociali.

Infine, ultimo, ma non per importanza, il Distretto Rurale di Economia Solidale. Si è sviluppato grazie ad un associazione temporanea di scopo i cui aderenti sono l’Università degli Studi di Perugia – Dipartimento di Scienze Economiche/Estimative e degli Alimenti, Angsa Umbria Onlus, il Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria, l’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica dell’Umbria, la CIA Umbria, l’Azienda Agricola “le due Torri”, l’Azienda Agricola Biologica “Cuore Verde”, l’Azienda Agricola Filippucci Fabio, l’Azienda Agraria Fratelli Properzi e la Società Agricola Maridiana. Nell’ottica di un sistema fraterno per lo sviluppo di un welfare comunitario, dove diversità significa ricchezza, dove vengono organizzati eventi, implementate sperimentazioni commerciali e promosse azioni di marketing territoriale e sociale.

Autismo, ANGSA Umbria Onlus fa di nuovo scuola accompagnata dalla Cooperativa La Semente: il modello riproposto a Terni

Il Centro Diurno per giovani adulti autistici di Angsa Umbria Onlus fa di nuovo scuola e arriva a Terni, attraverso l’esperienza di Open FarmS.

La Federazione regionale dell’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici, impegnata da vent’anni nella cura di persone affette dalla sindrome dello spettro autistico e delle loro famiglie, continua così l’opera di divulgazione del proprio modello di presa in carico, fotografato e prescritto sia dalla Legge n.134 del 18/08/2015 (Disposizioni in materia di diagnosi, cura e abilitazione delle persone con disturbi dello spettro autistico e di assistenza alle famiglie) sia dai LEA – Livelli Essenziali di Assistenza – dove si parla di autismo nell’intero arco della vita, dalla diagnosi all’età adulta, con riferimento sia a servizi che a comunità dedicate all’autonomia.

Nell’ambito del progetto Open FarmS, di durata biennale e finanziato dalla Regione Umbria, l’Associazione, in qualità di partner, ha esportato il suo modello di servizio a favore dalla Cooperativa Sociale Agricola Terre Umbre, capofila del Progetto, autrice di una sapiente tessitura progettuale di stampo concertativo finalizzata all’apertura di una nuova struttura dedicata al disturbo generalizzato dello sviluppo.

Degno di nota il metodo utilizzato per il trasferimento dell’esperienza ormai decennale del semiresidenziale di Spello; si chiama service design ed è definibile come l’attività di pianificazione e organizzazione di persone, infrastrutture, comunicazioni e componenti materiali di un servizio, al fine di migliorarne la qualità e l’interazione tra fornitore di servizi e clienti/utenti.

La conduzione di questo processo è stata assegnata in chiave consulenziale alla Cooperativa Sociale La Semente, spinn off della stessa Angsa. Questa impresa sociale, il cui slogan recita “Coltivatori d’intenti”, si occupa infatti sia di colture biologiche sia di cultura delle startup. Coltiva, dunque, cibo – con attenzione all’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati – ma anche nuove idee imprenditoriali nel campo del Terzo Settore.

L’avanzamento del progetto Open FarmS verrà presentato il prossimo 15 settembre, alle ore 9.30, presso l’auditorium di Montefranco. L’incontro sarà anche l’occasione per presentare il laboratorio di trasformazione e l’evoluzione del complesso dedicato a giovani affetti da disturbo dello spettro autistico in corso di completamento in località Torreorsina gestito da Terre Umbre. Attività, questa, portata avanti in stretta sinergia con Comune di Terni, USL Umbria 2 e Cooperativa Sociale ACTL.

Alla giornata parteciperanno l’Assessore Regionale dott.ssa Paola Agabiti, la dott.ssa Annalisa Lelli, Regione Umbria- Responsabile Sez. Terzo settore e Economia sociale, il dott. Alessandro Maria Vestrelli, della Regione Umbria.

Cipollando, cena evento a La Semente

Ecco il menù di “Cipollando”
La cena evento de La Semente in programma per venerdì 11 settembre.

Antipasto:
Pizza con cipolla e cipolla fritta

Primo:
Paccheri con ragù bianco di chianina e burrata

Secondo:
Maialino laccato in porchetta con mele e cipolle, con contorno di patate e friggitelli

Dolce:
Bicchierino di gelato allo yogurt con cipolla caramellata

Costo 25€
Cosa aspetti a prenotare il tuo posto !?
In collaborazione con gi esperti amici Del “Cortile Antico – Avis Cannara”, la cena dedicata alla Cipolla
Buon cibo, bella musica, belle persone, bel posto
Posti limitati !
Affrettati a prenotare.

Ad allietare la serata ci sarà la musica dei CSR Acoustic Band.

info e prenotazioni:

commerciale@lasemente.it

0742.302033

Aspettando Ferragosto, cena evento a La Semente

Ci vediamo a La Semente il prossimo venerdì 14 agosto per aspettare Ferragosto! ✨
Si parte alle 19.30 con la visita aziendale.
E per i più piccoli divertimenti in area giochi.
Alle 20.30 la cena con musica dei

Luli Tunes Acoustic Duo

.

Ecco il menù a 25€:
Bruschetta con pomodorini e basilico
bruschetta con pesto di zucchine, menta, pecorino
Pannocchia alla griglia
Grigliata mista di maiale umbro
Panzanella
Patate al forno
Cocomero
Panna cotta
Su richiesta è possibile concordare un menù per bambini
Info e prenotazioni:
☎️ 0742 302033
340 2734711 (attivi entrambi anche su whatsapp)
Non mancate!

Bonus vacanze: che cos’è, chi può ottenerlo, come richiederlo

Pubblichiamo un articolo ripreso dal sito dell’Agenzia delle Entrate a proposito del Bonus Vacanze.

Che cosa è?

Il Bonus vacanze fa parte delle iniziative previste dal “Decreto Rilancio” (art. 176 del DL n. 34 del 19 maggio 2020) e offre un contributo fino 500 euro da utilizzare per soggiorni in alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed & breakfast in Italia. Può essere richiesto e speso dal 1° luglio al 31 dicembre 2020.

Chi può richiederlo

Possono ottenere il “Bonus vacanze” i nuclei familiari con ISEE fino a 40.000 euro. Per il calcolo dell’ISEE è necessaria la Dichiarazione sostitutiva unica (DSU), che contiene i dati anagrafici, reddituali e patrimoniali di un nucleo familiare e ha validità dal momento della presentazione e fino al 31 dicembre successivo. L’importo del bonus sarà modulato secondo la numerosità del nucleo familiare:

  • 500 euro per nucleo composto da tre o più persone
  • 300 euro da due persone
  • 150 euro da una persona.

Per maggiori informazioni su come ottenere la Dichiarazione sostitutiva unica e calcolare l’ISEE consulta il sito dell’INPS.

Come ottenerlo

Il bonus può essere richiesto e viene erogato esclusivamente in forma digitale. Per ottenerlo è necessario che un componente del nucleo familiare sia in possesso di un’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o CIE 3.0 (Carta d’Identita Elettonica). Al momento della richiesta del bonus, infatti, si dovranno inserire le credenziali SPID e successivamente fornire l’Isee.

Se non hai la tua identità digitale richiedila (SPID e CIE 3.0)
Sei un cittadino?

Il “Bonus Vacanze” è completamente digitale: puoi richiederlo dal 1° luglio al 31 dicembre 2020 tramite l’app IO, l’applicazione dei servizi pubblici. Puoi scaricarla gratuitamente dagli store digitali: //io.italia.it/bonus-vacanze/.
Il Bonus attribuito al tuo nucleo familiare sarà identificato da un codice univoco, a cui sarà associato anche un QR code: non dovrai stamparlo, ma potrai averlo sempre a disposizione sul tuo smartphone. Ti basterà comunicarlo all’albergatore, insieme al tuo codice fiscale, quando dovrai pagare il tuo soggiorno direttamente presso la struttura dove sceglierai di trascorrere le vacanze.

Ricorda che il bonus:

  • può essere utilizzato da un solo componente del nucleo familiare, anche diverso dalla persona che lo ha richiesto
  • deve essere speso in un’unica soluzione, presso un’unica struttura turistica ricettiva in Italia (albergo, campeggio, villaggio turistico, agriturismo e bed & breakfast)
  • è fruibile nella misura dell’80%, sotto forma di sconto immediato, per il pagamento dei servizi prestati dall’albergatore
  • il restante 20% potrà essere scaricato come detrazione di imposta, in sede di dichiarazione dei redditi, da parte del componente del nucleo familiare a cui viene intestato il documento di spesa del soggiorno (fattura, documento commerciale, scontrino/ricevuta fiscale).

Lo sconto applicato come “Bonus vacanze” sarà rimborsato all’albergatore sotto forma di credito d’imposta utilizzabile, senza limiti di importo in compensazione, o cedibile anche a istituti di credito.

A La Semente, i trapianti per l’orto estivo

A La Semente, nella sua fattoria sociale, è tempo di trapianti per l’orto estivo. E l’orto diventa più grande, pronto ad accogliere nuove piccole piantine capaci di donarvi verdure, ortaggi e prelibatezze, non appena la stagione lo consentirà. Perché a La Semente, come sapete, seguiamo i cicli stagionali e cogliamo dalla terra solo ciò che la natura decide di darci.

Quest’anno piantiamo 7.000 piantine (l’anno scorso erano 3.000), su una superficie che da 3 ettari coltivati arriva a 6. L’estate è il momento dell’anno durante il quale si raccolgono i frutti del lavoro primaverile. A La Semente, stanno per arrivare tante varietà di ortaggi, frutta e verdura, che tra qualche mese saranno pronti per arrivare sulle vostre tavole. Una varietà garantita dal clima, così come dal territorio e dalla disponibilità del terreno.

Inoltre a La Semente continuiamo ad essere impegnati nel sociale, grazie all’impiego sui campi di persone svantaggiate. Nel team, quest’anno, insieme ai già soci della cooperativa, entrano anche un migrante e un ragazzo destinatario di pena alternativa.

Cosa aspettate, dunque, a godere anche voi di questi sapori genuini e freschi direttamente dal nostro orto nelle calde giornate estive? Se volete entrare anche voi all’interno del Gruppo di Acquisto Solidale e ricevere info sulle nostre cassette, con aggiornamenti settimanali, o ancora per prenotare i nostri prodotti e riceverli a domicilio (abbiamo uova, ortaggi, conserve, miele e marmellata) potete inviare una email a commerciale@lasemente.it, telefonare allo 0742.302033 o scriverci un messaggio tramite Facebook attraverso l’account @lasemente.

Grazie! Vi aspettiamo!

La Semente e le consegne a domicilio, “il buono in casa!”

La Semente, anche a fronte della emergenza da nuovo Coronavirus che sta in parte modificando le nostre abitudini, si mette a disposizione dei membri (consolidati e futuri) del suo GAS (Gruppo di Acquisto Solidale) e organizza le consegne a domicilio dei suoi ortaggi, uova, miele, trasformati (sott’oli e salse) e marmellata. In questo modo, dalla nostra terra, arriverà nelle vostre case tutto il buono che la natura può offrire all’interno delle nostre cassette.

La consegna a domicilio dalla fattoria sociale de La Semente è organizzata per le persone che risiedono o hanno il domicilio nei seguenti Comuni, con una spesa di 2,50 euro in più rispetto al prezzo della cassetta:

– Foligno
– Spello
– Cannara
– Bevagna
– Bettona
– Bastia
– Assisi.

Entrando a far parte del nostro GAS, si possono inoltre ricevere tutte le informazioni sui prodotti de La Semente disponibili ogni settimana, con la lista della spesa. Ordinando la cassetta, e indicando con precisione l’indirizzo di consegna, potrete gustare i nostri prodotti, tutti rigorosamente coltivati come natura crea.

Acquistando da La Semente, inoltre, potrete sostenere il nostro progetto di fattoria sociale, aiutare l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate e mangiare sano e locale.

E inoltre, con l’arrivo della Pasqua, cuciniamo e prepariamo per voi anche le tradizionali torte di Pasqua, con formaggio e uova delle nostre galline ovaiole, rigorosamente allevate a terra. Consegniamo a domicilio anche le torte.

Di seguito i contatti per info e prenotazioni:
☎️ 0742.302033
commerciale@lasemente.it

Decreto Cura Italia, il testo integrale

Vi proponiamo il testo integrale del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Cura Italia, entrato in vigore il 17 marzo 2020, a seguito dell’emergenza da Covid-19. Al suo interno,  e in particolare all’articolo 35, vengono chiariti alcuni importanti aspetti in materia di Terzo Settore:

1. All’articolo 101, comma 2 del codice del Terzo settore, di cui al decreto legislativo 3 luglio 2017, n.117, le parole “entro ventiquattro mesi dalla data della sua entrata in vigore” sono sostituite dalle seguenti “entro il 31 ottobre 2020”. 2. All’articolo 17, comma 3, del decreto legislativo 3 luglio 2017, n.112, le parole “entro diciotto mesi dalla data della sua entrata in vigore” sono sostituite dalle seguenti “entro il 31 ottobre 2020”. 3. Per l’anno 2020, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all’articolo 10, del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460 iscritte negli appositi registri, le organizzazioni di volontariato iscritte nei registri regionali e delle province autonome di cui alla legge 11 agosto 1991, n. 266, e le associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionale, regionali e delle province autonome di Trento e Bolzano di cui all’articolo 7 della legge 7 dicembre 2000, n. 383, per le quali la scadenza del termine di approvazione dei bilanci ricade all’interno del periodo emergenziale, come stabilito dalla delibera del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020, possono approvare i propri bilanci entro la medesima data di cui ai commi 1 e 2, anche in deroga alle previsioni di legge, regolamento o statuto.

A questo link, inoltre, potete consultare il testo integrale del Decreto, pubblicato in Gazzetta Ufficiale:

Per l’8 marzo, la Fondazione Baldaccini sceglie La Semente e le sue strenne

Con questo articolo, vogliamo ringraziare la Fondazione Valter Baldaccini per avere scelto le strenne de La Semente da donare a tutte le donne della loro associazione in occasione dell’8 marzo.

Ogni anno per la Fondazione Valter Baldaccini la Festa della donna è un’occasione per condividere un momento di allegria con tutte le collaboratrici di UMBRAGROUP, che con affetto sempre ci seguono e sostengono i progetti umanitari ed educativi nei quali la Fondazione è impegnata. Si tratta di un appuntamento a cui Valter Baldaccini teneva tanto e che con gioia noi portiamo avanti.

Ogni 8 marzo la Fondazione fa dono a ognuna di loro di un piccolo segno legato a una realtà del nostro territorio che, come la Fondazione, si prende cura di chi si trova più in difficoltà. Quest’anno la Fondazione Baldaccini ha scelto di sostenere La Semente, che oltre che ad essere una fattoria didattica, un agriturismo e una cooperativa sociale, insieme ad ANGSA Umbria gestisce un bellissimo Centro Diurno dedicato a persone con autismo.

Il centro diurno accompagna le persone con problemi legati all’autismo attraverso percorsi formativi verso l’autonomia e il lavoro.

I giovani ospiti del Centro si occupano di coltivare prodotti biologici, cucinare e gestire l’agriturismo e sono proprio loro che hanno confezionato, con estrema cura e precisione, il dolce e goloso pensiero di quest’anno.

Ancora buon 8 marzo e auguri di cuore a tutte le donne.