Articoli

Piccoli frutteti crescono…

La frutta è un alimento irrinunciabile per chi ama mangiar sano, e la frutta biologica ancor di più !
Per questo, noi de La Semente, abbiamo intenzione di produrre frutta che sia buona, sana, naturale e Umbra.
Il frutteto che abbiamo avviato conta un totale di 71 piante, che ci faranno gustare :

  • vari tipi di Susine
  • Pere
  • Mele
  • Fichi
  • Ciliegie
  • Giuggiole (gensole)
  • Nespole
  • Cachi
  • Kiwi


Tutte autoctone !

Ovviamente bisognerà attendere un paio d’anni prima di poter gustare la nostra frutta, ma siamo sicuri che l’attesa sarà ripagata.

La Nostra serra inizia a popolarsi.


La nostra è una serra di 100mt. non riscaldata, con un impianto di irrigazione a goccia, utilizzata per anticipare le colture estive.
Pensate, oggi 29 gennaio 2014, in serra avevamo 25 gradi !
Essendo uno spazio ridotto, e volendo applicare un metodo di coltivazione biologico il più possibile rispettoso della natura, stiamo facendo una “consociazione”.
La consociazione è la coltivazione contemporanea di diversi ortaggi sullo stesso appezzamento. Tale tecnica consente di valorizzare le complesse interazioni esistenti tra le piante.

Si è scoperto che determinate piante, coltivate vicine le une alle altre, si stimolano reciprocamente nella propria crescita e, a causa sia degli odori che emanano e per particolari sostanze secrete dalle radici che diffondono nel terreno, si proteggono anche a vicenda contro le malattie e i parassiti.

Nel nostro caso abbiamo piantato 5 tipi di lattuga: Canasta Bianca e Rossa, Iceberg, Foglia di Quercia Bianca e Rossa; e 2 tipi di cipolla: la Rossa di Tropea e la classica Cipolla Bianca.
Prossimo traguardo: partecipare e far apprezzare la bontà e la genuinità dei nostri ortaggi ai mercati dedicati ai prodotti biologici che si tengono nel territorio Umbro, e,  tra i primi, quello di  “Umbria Terra Viva” organizzato dall’Associazione BioUmbra-Art, che si tiene ogni prima domenica del mese a Piazza Piccinino, nel centro storico di Perugia.

Vi salutiamo con un una tabella molto utile sulle possibili consociazioni :
Ortaggi
Consociabili
Non consociabili
Asparagi
Pomodori, prezzemolo, basilico
/
Barbabietole
Cipolle, ravanelli, cavoli, rape
Fagioli rampicanti
Carote
Cipolle, ravanelli, piselli, lattuga, cicoria,
porri, rosmarino, salvia, pomodori
Aneto
Cavoli
Barbabietole, cetrioli, fagioli rampicanti,
fagioli nani, fragole, lattuga, piselli,
pomodori, porri, spinaci, ravanelli,
sedani
Aglio, cipolle, patate
Cetrioli
Cavoli, fagioli, granturco, piselli,
ravanelli, girasoli, finocchi
Patate, erbe aromatiche
Cicoria
Carote, fagioli rampicanti, lattuga,
finocchi, pomodori
/
Cipolle e aglio
Zucchine, barbabietole, fragole,
pomodori, lattuga, camomilla
Piselli, fagioli, cavoli
Erba cipollina
Carote
Piselli, fagioli
Fagioli
Patate, carote, cetrioli, cavoli
Cipolla, aglio, gladioli
Fagioli rampicanti
Zucchine, ravanelli, cicoria, cavoli,
granturco, santoreggia
Cipolle, barbabietole,
finocchi, girasoli
Fagiolini nani
Cavoli, ravanelli, patate, cetrioli,
granturco, fragole, sedani, santoreggia
Cipolle, barbabietole,
finocchi, girasoli
Finocchi
Cetrioli, cicoria, lattuga, piselli
Fagioli rampicanti,
fagiolini nani
Fragole
Ravanelli, fagiolini nani, spinaci, lattuga,
cavoli
/
Girasole
Cetrioli
Patate
Granturco
Patate, piselli, fagioli, cetrioli, zucca,
zucchine
/

Lattuga
Cicoria, finocchi, cavoli, carote,
ravanelli, fragole, cetrioli
Prezzemolo
Melanzane
Fagioli
/
Patate
Fagioli, granturco, rafani, calendule,
melanzane
Zucche, cetrioli, girasoli,
cavoli, pomodori, lamponi
Piselli
Finocchi, carote, rape, ravanelli, cetrioli,
granturco, fagioli, cavoli
Cipolle, aglio, gladioli,
patate
Pomodori
Cavoli, ravanelli, cicoria, cipolle,
prezzemolo, asparagi, calendule, carote
Cavoli, rape, patate,
finocchi
Porri
Cipolle, cavoli, sedani, carote
/
Prezzemolo
Ravanelli, pomodori, asparagi
Lattuga
Rape
Piselli
/
Ravanelli
Cavoli, barbabietole, fagioli rampicanti,
fagiolini nani, fragole, lattuga, piselli,
pomodori, spinaci, prezzemolo, cetrioli

/

Sedani
Porri, pomodori, fagiolini nani, cavoli
/
Spinaci
Fragole, cavoli, ravanelli
/
Zucca
Granturco, nasturzi
Patate
Zucchine
Cipolle, fagioli rampicanti
/

I nostri Alpaca sono arrivati !

Il 03/01/2014 si sono trasferiti alla Semente, nella loro nuova casa, i 5 esemplari di Alpaca (3 giovani maschi di circa un anno di età e 2 maschi adulti castrati) porvenienti da Umbertide, dall’allevamento della società agricola “La Maridiania” di Giovanni Berna, inserita come partner all’interno del nostro progetto di Agricoltura Sociale : A².
La loro presenza rientra nella sperimentazione zootecnica definita dal progetto, sia per la produzione di fibre pregiate, sia per il loro carattere mite che ben si concilia alle problematiche dell’autismo. Per i nostri amici Alpaca è stato previsto un ricovero di 40 mq. all’interno di un recinto di circa 600 mq. Ovviamente per la loro gioia, ma anche di chi starà a loro contatto, avranno modo di pascolare e passeggiare anche al di fuori del loro recinto, all’interno di aree predisposte appositamente. Avremo la supervisione costante del Sig. Giovanni Berna, che, vantando un’esperienza di più di 15 anni con questo tipo di allevamento, saprà farci convivere al meglio con questo simpatico animale.

Ma conosciamo meglio i nostri amici.

– Gli alpaca.
Gli Alpaca fanno parte insieme al Guanaco, Vigogna e Lama della famiglia dei Camelidi Sudamericani. Sono originari delle Ande dove insieme ai lama sono stati allevati da oltre 5.000 anni. I Guanaco e la Vigogna tuttavia permangono allo stato selvatico. Differentemente dai loro cugini cammelli e lama, gli alpaca non vengono usati come animali da trasporto. Piuttosto, gli alpaca sono conosciuti per il loro vello e la loro docilità. Il vello degli alpaca è apprezzato per la sua leggerezza, lucentezza e tocco setoso, nonché per le sue incredibili proprietà termiche. Non a caso, i tessuti realizzati con questa fibra naturale erano un tempo riservati per vestire gli imperatori INCA.

– La personalità degli alpaca.
Gli alpaca sono docili e possono diventare degli affettuosi animali da compagnia. Sono animali socievoli a cui piace stare in gruppo. Comunicano con un piacevole suono, detto humming. Gli alpaca hanno un temperamento sereno. Sono spesso presi da un atteggiamento a metà tra curiosità e timidezza, con la prima che generalmente prevale sulla seconda. Sono animali intelligenti, facili da gestire e possono essere maneggiati da chiunque, inclusi i bambini. 

– Biologia degli alpaca.

Le femmine raggiungono la maturità riproduttiva tra i 14 e i 18 mesi di etá; i maschi a circa 3 anni. Il periodo di gestazione é di circa 11 mesi. L’accoppiamento avviene normalmente tra le 2 e le 3 settimane dopo il parto. Il neonato, chiamato cria, pesa alla nascita tra i 6 e gli 8 kg. Gli alpaca raggiungono alla maturità un peso di 75 kg e possono vivere fino a 20 anni.
 



– Cura e alimentazione.

Gli alpaca sono animali estremamente rustici capaci di adattarsi a qualunque terreno o zona climatica. Benché siano di dimensioni maggiori delle pecore necessitano la stessa quantità di cibo, grazie alla grande efficienza del proprio sistema digerente. I pascoli devono essere recintati e provvisti di una tettoia aperta per riparo ed ombra. Le recinzioni possono essere minime, in quanto sono animali territoriali e raramente abbandonano il territorio conosciuto. 
 

– Tosa.
Gli alpaca si tosano una volta l’anno, normalmente a primavera inoltrata prima dell’avvento del caldo estivo. Vengono tosati la prima volta ad 1 anno di età. Questa prima tosa produce la fibra più pregiata chiamata baby alpaca . Un alpaca adulto produce dai 2,5 ai 4 kg. di fibra l’anno.
– L’allevamento di alpaca è ecologico.

Le zampe degli alpaca sono fornite di un cuscinetto che non danneggia il pascolo. L’allevamento di alpaca in zone marginali contribuisce a tenere puliti pascoli e sottoboschi, prevenendo il degrado idrogeologico e il rischio di incendi. Le feci sono molto secche e vengono eliminate in singoli mucchi. Pertanto non c’è rischio di diffusione di parassiti nei prati nè di richiamo di mosche e di cattivi odori.







Gli Alpaca, ad oggi, ancora non hanno un nome, ma vi terremo aggiornati…!